Skip to content

Obbligazioni d’acconto

Al presupposto di fatto si ricollega un rapporto obbligatorio. Il verificarsi del presupposto rende definitivamente dovuto il tributo. Sono tuttavia previsti, per le imposte sui redditi e per l’imposta sul valore aggiunto, dei pagamenti anticipati rispetto al compiuto verificarsi del presupposto. Ci sono, cioè, delle obbligazioni che sorgono prima della chiusura del periodo d’imposta e che realizzano un’anticipazione della riscossione rispetto al presupposto.
Il credito d’imposta può essere ed è per lo più assistito da garanzie di vario tipo. Un esame sommario delle quali deve dare particolare rilievo ai privilegi, che assicurano al fisco di essere soddisfatto a preferenza di altri creditori in caso di espropriazione. Sono previsti privilegi generali e speciali, sui mobili e sugli immobili. Una indicazione sommaria delle norme che prevedono privilegi può raggruppare tali norme in 4 classi:
a) privilegio generale sui mobili del debitore: tale garanzia è prevista per l’IRPEF, l’IRES e l’IVA;
b) privilegio speciale sui mobili: i crediti dello Stato per i tributi indiretti hanno privilegio sui mobili ai quali i tributi si riferiscono. Uguale privilegio hanno i crediti di rivalsa IVA;
c) privilegio generale immobiliare: i crediti per l’IRES e IRPEF limitatamente alla quota imputabile ai redditi immobiliari o fondiari non determinabili catastalmente  hanno privilegi sugli immobili del debitore situati nel comune in cui il tributo si riscuote;
d) privilegio speciale immobiliare: tale privilegio assiste crediti per tributi indiretti in relazione agli immobili cui il tributo si riferisce.
In altre ipotesi è previsto che il contribuente presti una garanzia a tutela del credito fiscale. Il contribuente deve prestare idonea garanzia mediante polizza fideiussoria o fideiussione bancaria per ottenere la dilazione o la sospensione del pagamento delle somme iscritte a ruolo, se di importo superiore ad € 25822,84.
Il credito d’imposta può essere garantito da ipoteca; l’intendente di finanza, quando vi sia pericolo nel ritardo può chiedere al presidente del tribunale competente l’iscrizione di ipoteca legale sui beni del trasgressore, ed anche l’autorizzazione a procedere a mezzo di ufficiale giudiziario, al sequestro conservativo. Ipoteca e sequestro possono essere impugnati da chiunque vi abbia interesse, innanzi al giudice civile quando non vi sia reato, o innanzi al giudice penale secondo le norme del codice di procedura penale.
Altra forma di tutela cautelare del credito erariale è il fermo amministrativo previsto dal regolamento di contabilità pubblica. Un’amministrazione pubblica, debitrice verso un privato, può sospendere il pagamento del suo debito se è a sua volta creditrice verso il privato.
di Alessandro Remigio
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.