Skip to content

Differenze nella scissione societaria proporzionale – non proporzionale nell’assegnazione delle azioni

Riguarda i rapporti tra i soci. Il socio originario della società che va a scindersi, diventa anche socio delle società beneficiarie.
Si dice che è proporzionale se B ha due soci al 30% e al 70%, e scinde un ramo a favore di C. la ripartizione del capitale sociale di C vedrà la partecipazione dei soci al 30% e al 70%.
Se la società è preesistente l’assegnazione delle azioni non può essere proporzionale a livello di intero capitale sociale, perché ci sono gli altri soci. È possibile solo per la ripartizione dell’aumento del capitale sociale.
È necessario un criterio di non proporzionalità nell’assegnazione delle azioni perché in questo modo si può ripartire i patrimoni tra i soci.
di Valentina Minerva
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.