Skip to content

George Simmel 1858 - 1918 (tedesco)


Sociologo formale perché introduce il concetto di forma: la storia umana è il risultato dell’incontro-scontro tra vita: pulsione ideativo- creativa, fluire di pulsioni senza controllo, e forma : capacità di dare forma alla pulsione creativa. Un sapere definitivo ed esaustivo non è possibile perché è il prodotto della storia e quindi anch’esso forma. Per Simmel la sociologia studia le forme tipiche della vita umana nel tempo e la sociazione cioè il rapporto fra gli individui che si fonda su effetti di reciprocità: gli esseri umani sono in relazione tra loro e durante queste relazioni producono forme, visto che si influenzano reciprocamente; la forma infatti è il risultato di un processo continuo (gli uomini entrando in relazione tra loro nel tempo danno forma ad una relazione). La forma quindi è sempre conseguenza della vita e la nuova generazione riconosce la forma della precedente. 
La modernità è una delle possibili forme della storia e a sua volta la forma tipica della modernità è il denaro. Nella filosofia del denaro, Simmel illustra come il denaro sia tipico della modernità perché gli I si rapportano tra di loro attraverso un oggettivazione: dietro alla logica di mercato quindi ci sarebbe la logica della calcolabilità. Anche la metropoli è una forma di modernità perché in essa esistono molti modi di organizzarsi ( forme) e l’uomo vive in modo molto più egoistico che nel piccolo borgo o in campagna dove al contrario le forme di rapporto sono molto più libere. Chi vive in metropoli è più libero ma anche più solo perchè i rapporti sono più ampi ma meno profondi; di qui la figura dell’ individuo blasè:  persona annoiata che non vive niente fino in fondo; colui che fa tante esperienze ma non va mai in profondità delle stesse. 
Lo straniero: lo studio sociologico di Simmel riguardo l'"altro" mette in luce la rappresentazione dello straniero. Lo straniero per Simmel, non è considerato come un viandante qualsiasi, che un giorno arriva e l'indomani riparte per una nuova destinazione; lo straniero per Simmel è un membro di un gruppo sociale, all'interno del quale vive e svolge normalmente la sua attività lavorativa. Non è quindi considerato come un elemento esterno alla struttura sociale, bensì in tutto e per tutto, parte integrante di una società. Inoltre lo straniero simmeliano è vicino e lontano allo stesso tempo. E' vicino perché occupa spazi lasciati liberi dalla società ospitante, lontano perché non conosce i modi e i meccanismi di relazione nei rapporti intersociali. Questa ambivalenza che Simmel attribuisce allo straniero, cioè l'essere allo stesso tempo vicino e lontano, interno ed esterno ad una società, mette in evidenza una delle caratteristiche più importanti, se non la più importante della figura dello straniero per Simmel: l'oggettività. Egli è convinto che l'obiettività dello straniero costituisca una peculiarità fondamentale all'interno di una società: gli stranieri, per Simmel, rappresentano i giudici ideali nelle controversie di una comunità, trovandosi all'interno di essa e al contempo non essendo coinvolti in relazioni personali o legami intimi.
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro