Skip to content

Trattamento e classificazione delle rimanenze di magazzino

Nel rispetto del postulato della competenza, “in chiusura dell’esercizio occorre rilevare i beni in rimanenza da rinviare indistintamente al nuovo esercizio per poter correlare ai ricavi di vendita il costo di acquisto delle sole merci vendute”.
RIMANENZE INIZIALI :  beni a disposizione del processo produttivo aziendale dell’esercizio. Pertanto, si rilevano come componente negativo di reddito.
RIMANENZE FINALI : beni non utilizzati nel processo produttivo dell’esercizio, da rinviare a futuro esercizio. Pertanto, si rilevano come componente positivo di reddito.

CLASSIFICAZIONI
Occorre distinguere:
PRODOTTI FINITI : beni non destinati ad ulteriore lavorazione, nella cui produzione e/o commercializzazione è incentrato l’oggetto tipico dell’attività dell’impresa.
PRODOTTI IN CORSO DI LAVORAZIONE : beni già assoggettati a processi di trasformazione ma non ancora ultimati alla data di chiusura dell’esercizio, relativamente ai quali è necessario procedere ad ulteriori lavorazioni per poterli
commercializzare. Essendo in fase di avanzamento, non sono identificabili fisicamente in modo univoco.
SEMILAVORATI :  beni acquisiti dall’impresa, o fabbricati dall’impresa per essere
successivamente impiegati nel completamento di altri prodotti o in ulteriori fasi di lavorazione. Presentano identità fisica definita.
Inoltre occorre fare una distinzione tra:
MATERIE PRIME : fattori produttivi acquisitati e non ancora immessi nel processo di trasformazione
MATERIE SUSSIDIARIE E DI CONSUMO : beni che concorrono al processo produttivo in modo indiretto, con funzione strumentale o complementare
MERCI : beni di sola commercializzazione, ovvero acquistati e destinati alla vendita senza subire nessuna lavorazione
N.B. Secondo il PC n. 16, le rimanenze includono anche i PEZZI DI RICAMBIO di impianti, macchinari e attrezzature di rilevante costo unitario e di uso molto ricorrente.
Infine bisogna distinguere tre:
BENI UNICI O INFUNGIBILI : beni non sostituibili con altri della stessa specie (es. oggetti d’arte)
BENI FUNGIBILI : beni sostituibili con altri della stessa specie
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

International Accounting -corso progredito

Appunti di International Accounting che approfondiscono quelli relativi al corso base. Più nel dettaglio viene presa in considerazione la descrizione puntuale con numerosi esempi dei capisaldi della materia, in particolare IAS e IFSR.