Skip to content

Redditi fondiari: base imponibile IRPEF


I redditi  fondiari sono i redditi inerenti ai terreni e ai fabbricati situati nel territorio dello Stato iscritti con attribuzione di rendita nel catasto dei terreni o nel catasto edilizio urbano.Questi redditi concorrono a formare il reddito complessivo dei soggetti che possiedono gli immobili a titolo  di proprietà o di altro diritto reale,indipendentemente dalla percezione.
I redditi fondiari si distinguono in :
- redditi dominicali:comprendono la remunerazione del proprietario a titolo di rendita fondiaria e gli interessi sui capitali permanentemente investiti nel terreno
- redditi agrari:corrispondenti al profitto dell’imprenditore nell’esercizio dell’impresa agricola
- redditi da fabbricati : costituiti dai redditi ritraibili dalle unità immobiliari urbane,in particolare abitazioni
Il catasto dei terreni e il catasto edilizio urbano sono un insieme di registri che contengono una dettagliata riproduzione di ogni appezzamento di terreno e di ogni fabbricato
Per ogni terreno o fabbricato è fissata una tariffa d’estimo catastale definibile come una stima del reddito normalmente percepito in virtù della proprietà dei terreni
Le tariffe d’estimo sono indicate per unità di misura
Il reddito effettivo corrisponde alle disponibilità di cui si puo’ godere nel periodo d’imposta.Tale disponibilità è calcolata per le imprese sulla base di un principio di competenza e per le persone fisiche  sulla base di un principio di cassa.
Il reddito normale rappresenta quanto si puo’ ricavare da un cespite, al di fuori di circostanze eccezionali di carattere oggettivo
Tratto da ELEMENTI DI SCIENZA DELLE FINANZE di Mariarita Antonella Romeo
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.