Skip to content

Gli obiettivi di revisione o assertion

Gli obiettivi di revisione o assertion da verificare possono essere classificati nel modo seguente:1.    Esistenza (validità): le operazioni siano realmente avvenute sotto il profilo fisico e/o monetario e per le quali sussiste una esplicita autorizzazione nel sistema delle decisioni aziendali; essa è attuata mediante confronti per verificare che un insieme di informazioni abbia riscontro con altre informazioni che ne sono il presupposto (es. che le fatture di vendita abbiano come presupposto i correlati documenti di trasporto);
2.    Completezza: tutte le operazioni avvenute devono essere sottoposte a rilevazione con completezza; tale obiettivo è perseguito mediante confronti per verificare che un insieme di informazioni sia completo in relazione ad altre informazioni che ne sono il presupposto (es. che le fatture di vendita siano state emesse a fronte di documenti di trasporto);
3.    Cut-off (tempistica): le operazioni devono essere contabilizzate nell'esercizio di competenza; quindi sono attuati confronti per verificare che un insieme di informazioni rilevi determinati attributi temporali secondo principi di riferimento corretti (principio di competenza);

4.    Accuratezza: tale obiettivo è perseguito mediante la verifica della precisione aritmetica di elaborazione/calcolo dei dati di una singola transazione; ciò comporta che le quantità e i prezzi unitari di ogni singola rilevazione concordino con le quantità e i prezzi unitari rilevati dal sistema informativo in altri momenti, e che i totali di ogni singola rilevazione siano aritmeticamente corretti e non includano errori di calcolo; va detto che normalmente i controlli di accuratezza sono eseguiti automaticamente dal sistema informatico;
5.    Classificazione: ogni transazione deve essere “codificata” al momento della sua rilevazione secondo logiche di discrezione specifiche;
6.    Imputazione e totalizzazione: implica la necessità di verificare che i valori di tutte le transazioni confluiscano correttamente nei conti di riepilogo e nei rispettivi tabulati di riferimento e che i loro totali siano elaborati correttamente; anche queste tipologie di elaborazione e controllo sono effettuate in forma automatica dai sistemi informatici, pertanto, i rischi di errore risultano modesti;
7.    Valutazione: fa riferimento alle modalità secondo cui vengono applicate le regole di “calcolo economico” previste dai principi contabili e la cui verifica implica il che confronto di informazioni debba estendersi ad altre evidenze, diverse da quelle delle transazioni di periodo;
8.    Diritti e obblighi: implica la verifica dei diritti e gli obblighi correlati a una classe di transazioni o alle operazioni contabilizzate;
9.    Presentazione e Informativa: si tratta di confronti volti ad accertare che un insieme di informazioni comprenda tutti gli attributi necessari per una corretta presentazione dell'informativa economica d'azienda.
Le prime sei assertion sopra citate sono riferibili ad obiettivi correlati alle transazioni, mentre le successive tre si riferiscono ad obiettivi correlati ai saldi finali.

di Salvatore Busico
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.