Definizione di "Social Dreaming Matrix"

Modello operativo di lavoro di gruppo attraverso i sogni, le associazioni libere e le amplificazioni tematiche delle immagini oniriche. Il modello è stato ideato da W. Gordon Lawrence nel 1982 in seno al Tavistock Institute of Human Relations di Londra.
W. Gordon Lawrence lo ha usato, inizialmente, come strumento di Action-Research nella consulenza aziendale. L’analisi istituzionale effettuata attraverso i sogni fornisce infatti una visione delle dinamiche inconsce delle organizzazioni, così come della cosiddetta “ombra” dell’istituzione, la quale può essere mostrata e trasformata dalle immagini dei sogni.
La matrice di Social Dreaming può coerentemente essere considerata uno strumento di conoscenza del contesto del sognatore attraverso i suoi sogni, i quali ne permettono una diversa percezione che tocca anche i contenuti della latenza sociale, intesi come pensieri rimossi e negati, elementi sociali, politici ed ambientali che vengono nascosti o che non vengono riconosciuti nella cultura di colui che sogna, pur appartenendole.
A partire da tali elementi di conoscenza, la possibilità di usare le libere associazioni e le amplificazioni delle altre persone al proprio sogno, inteso come un pensare attraverso immagini, permette lo sviluppo di un processo matriciale che può portare alla trasformazione delle immagini dei sogni.

Info al sito: http://www.marcoavena.it

di Marco Avena [Visita la sua tesi »]