Definizione di "Psicologia transpersonale"

La Psicologia transpersonale si caratterizza come il contributo degli ambienti scientifici allo studio e alla comprensione dell'esperienza interiore di ordine trascendente, esperienza che nel corso dei secoli ha ricevuto dalle diverse tradizioni numerose denominazioni: estasi mistica, coscienza cosmica, esperienza oceanica, peak experience, nirvana, satori, samadhi, ecc.
Nella sua ricerca la psicologia transpersonale integra quindi l'esperienza della psicologia occidentale, soprattutto del filone gestaltico, esistenziale, umanista, con le tradizioni mistiche orientali basate sulla meditazione (come lo Yoga, lo Zen, il Sufismo) e con quelle sciamaniche basate sull'estasi e sul contatto diretto con le forze della natura.
Subisce inoltre una forte influenza dalle più recenti acquisizioni della fisica moderna e della biofisica ed è in stretto rapporto con altre scienze quali la sofrologia, la sociologia, l'antropologia e la parapsicologia.
La psicologia transpersonale opera per la realizzazione del sé, il risveglio della "natura intima" di ogni individuo e delle sue qualità più genuinamente umane.

Maggiori info al sito: www.marcoavena.it

di Marco Avena [Visita la sua tesi »]