Tesi scelte dalla redazione relative a "basilea III".

Basilea 3: l'evoluzione della normativa finanziaria a seguito della crisi dei mercati finanziari

La recente crisi che ha colpito l'economia mondiale ha evidenziato tutte le lacune di una normativa finanziaria che ha regolato il sistema economico per oltre vent'anni. A partire dal 2010, l'organo direttivo del Comitato di Basilea, ha annunciato un sostanziale rafforzamento dei requisiti patrimoniali delle banche insieme all'introduzione di nuovi standard di liquidità a livello mondiale. L' accordo prende il nome di Basilea III e arriva dopo una delle peggiori crisi finanziarie di tutti i temp...

Vai alla pagina della tesi »
L’adeguatezza patrimoniale del sistema bancario tra crisi e Basilea 3

Il presente lavoro si propone di far emergere sia il ruolo essenziale della banca all’interno della società moderna, come strumento universalmente riconosciuto di mobilitazione del risparmio e di supporto alla crescita dell’economia, sia la sua caratteristica di intrinseca fragilità.In Basilea III la dotazione di mezzi patrimoniali e la verifica dell’adeguatezza rispetto all’operatività bancaria, assieme con un adeguato sistema di controllo finalizzato al fronteggiamento dei rischi, si conferman...

Autore: Elena Fulignati
Vai alla pagina della tesi »
Il cammino verso la nuova disciplina di vigilanza prudenziale: Basilea III

Il settore bancario internazionale, alla fine degli anni ’70 del secolo scorso, si trovava ad essere sottoposto a rischi significativamente maggiori - attribuibili a molteplici fattori, soprattutto apertura dei mercati, progresso tecnologico, elevata volatilità dei tassi di cambio e interesse - rispetto a quelli corsi precedentemente. A fronte di questa situazione, alla fine del 1974, i Governatori delle banche centrali dei Paesi del G10 istituirono il Comitato di Basilea, un luogo di consultazi...

Autore: Pio Guarino
Vai alla pagina della tesi »
Verso Basilea 3: un nuovo percorso nel tentativo di superare i limiti della regolamentazione precedente, Basilea 2, evidenziati dalla crisi finanziaria del 2007
Lara Cardinali

Nel 2007 è scoppiata una delle più grandi crisi degli ultimi decenni, paragonabile soltanto quella del ’29; essa si è sviluppata in tempi rapidissimi, colpendo l’intero sistema finanziario globale e creando una depressione dell’economia reale. L’obiettivo della mia tesi è quello di esaminare i motivi per cui l’attuale regolamentazione non ha saputo prevenire questo crollo o eventualmente limitarne gli effetti. Inoltre intendo effettuare un’analisi della recente proposta di una nuova regolamenta...

Autore: Lara Cardinali
Vai alla pagina della tesi »
Basilea 2, credito e pmi: le novità per le imprese del settore turistico

Il rapporto banca – impresa ha assunto nel tempo un’importanza sempre maggiore, ed è questione sempre attuale la ricerca di un equilibrio in tale rapporto; equilibrio abbastanza difficile, in considerazione anche del fatto che il quadro economico è assai mutevole nel tempo. Fondamentale, in tal senso, è stato il ruolo assunto dal “Comitato di Basilea per la Vigilanza Bancaria”, che ha progettato nel 1988 un primo accordo concernente alcune regole bancarie, che sono state identificate con il nome...

Autore: Luigi Casolaro
Vai alla pagina della tesi »
Gli Accordi di Basilea II: l'impatto nelle banche e nelle imprese

Il primo Gennaio del 2007 entrerà ufficialmente in vigore il Nuovo Accordo di Basilea che si pone come principale obiettivo di aumentare la sensibilità delle banche verso le tre diverse tipologie di rischio previste:rischio di credito, di mercato e operativo. Basilea 2 rappresenterà una vera e propria rivoluzione sia per il sistema bancario, al quale l'Accordo si rivolge direttamente, e sia per il nostro sistema economico caratterizzato per lo piu' da PMI. Il mio lavoro si pone come obiettiv...

Autore: Paolo Geraci
Vai alla pagina della tesi »
Gli effetti di Basilea II sulle piccole e medie imprese
Antonio Cresceri

Con il termine Basilea II si identifica il lavoro del Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria, finalizzato all’aggiornamento della normativa internazionale riguardante i requisiti patrimoniali delle banche. L’obiettivo delle nuove regole è aumentare la sensibilità al rischio e la capacità di misurarlo attraverso l’introduzione dei sistemi di rating interni. Sulla stampa economica sono recentemente emerse alcune preoccupazioni sugli effetti che le nuove regole potranno produrre sulle picco...

Vai alla pagina della tesi »
Basilea 2: la nuova regolamentazione prudenziale per le banche

BASEL 2: the new prudential regulations for banks This work tries to give a brief description of the main features of the “New Accord on banking laws and regulations”, which is also known as “Basel 2”. It was issued by the Central Banks’ governors and/or by the people responsible of the inspection’s bodies of the countries members of the G10. The analysis has been divided in three parts: - the first part of the work analyses the “Basel 1”’s features, the revision’s requirements of the first...

Autore: Luca Fumarola
Vai alla pagina della tesi »
I rischi di credito ed operativi delle banche nell'ambito del nuovo Accordo di Basilea

L’obiettivo della tesi è fornire una rassegna degli aspetti di base e delle linee evolutive dell’Accordo di Basilea, in relazione alla novità regolamentari introdotte e alle loro ripercussioni in campo economico. Infatti dal 1998 il Comitato di Basilea ha iniziato a sollevare il tema dei rischi operativi e nel gennaio del 2001 ha reso pubblico un documento riguardante la proposta di modifica per la regolamentazione del capitale minimo che le banche devono detenere a fronte del rischio di merca...

Vai alla pagina della tesi »
Valutazione delle imprese e merito creditizio alla luce del Nuovo Accordo di Basilea
Giorgio Belli

L’obiettivo perseguito con il presente lavoro è quello di illustrare il contributo che può essere fornito dall’applicazione delle recenti tecniche di misurazione del rischio di credito al processo di valutazione delle imprese, con particolare riferimento al tessuto delle PMI.Il lavoro è stato strutturato in quattro capitoli: il primo capitolo si apre con una disamina sul tradizionale rapporto banca-cliente, rapporto spesso inficiato dall’esistenza di asimmetrie informative che influiscono negati...

Autore: Giorgio Belli
Vai alla pagina della tesi »
L'impatto del Nuovo Accordo Basilea 2 sul rischio di credito: i rating interni

La mia tesi tratta dell'impatto della Nuova discipliana Basilea 2 sul rischio di credito. Inizialmente viene brevemente introdotta la nuova discipliana e in particolare viene fatto riferimento al rischio di credito. Successivamente sono introdotte le metodologie di rating interno e i requisiti che le banche dovranno rispettare per poterli utilizzare. In seguito vengono descritti gli effetti quantitativi risultanti dal QIS 3 dell'introduzione dei rating interni, i vantaggi e gli aspetti critici d...

Vai alla pagina della tesi »
Il Rapporto Banche - PMI alla luce delle evoluzioni degli accordi di Basilea

Questa tesi ha lo scopo di analizzare come il rapporto banche - pmi sia cambiato alla luce delle evoluzioni delle regole di Basilea, a partire dall’accordo originario del 1988 fino all’ultimo recentissimo accordo di Basilea III, concluso lo scorso settembre 2010. Inoltre vi è un analisi del ruolo e delle criticità di Basilea 2 nell'ambito della crisi finanziaria internazionale.

Vai alla pagina della tesi »
Il rischio operativo nell'accordo di Basilea 2

Nella tesi si parla del primo accordo di Basilea e della sua evoluzione a Basilea 2 (con i tre pilastri), il rischio operativo quale maggiore novità del secondo accordo di Basilea con i relativi metodi di calcolo e, per ultimo, le ripercussioni sull'organizzazione aziendale per fronteggiare i rischi operativi.

Vai alla pagina della tesi »
La concessione del credito bancario dopo gli accordi di Basilea 2: il ruolo del business plan

Nel 1988 il Comitato di Basilea, un’organizzazione internazionale istituita dalle Banche Centrali dei paesi del G10, introdusse il sistema di misurazione del patrimonio di vigilanza per gli istituti finanziari comunemente chiamato Accordo di Basilea (Basilea 1). Tale documento definiva l'obbligo per le banche di detenere un patrimonio di vigilanza pari a non meno dell’ 8% del totale delle attività ponderate per il loro rischio (di credito), allo scopo di garantire solidità alla loro attività (la...

Autore: Fabio Rapizza
Vai alla pagina della tesi »
Basilea 2, rating interno e credit crunch

Cap1: Basilea1, suo superamento con Basilea 2 e i motivi di tale necessità, con particolare riferimento alla sitazione italiana. Cap2: Rating, il rating interno ed esterno e la sua importanza nel nuovo accordo del capitale Cap3: Credit crunch, i motivi di tale fenomeno collegato con Basilea 2 e la crisi economica e riflesioni critiche su sua risoluzione.

Vai alla pagina della tesi »

Stai cercando una Tesi di laurea?

Tesionline da 10 anni pubblica le tesi dei migliori laureati italiani e ogni giorno sul nostro sito potrai trovare circa 40 nuove tesi pubblicate nelle più diverse discipline.

Prima di iniziare la ricerca ti consigliamo di registrarti per:

  1. contattare gli autori delle tesi che ti interessano per chiedere consigli e informazioni;
  2. scaricare gratuitamente le prime 10-15 pagine delle tesi che ti interessano;
  3. consultare liberamente gli indici di tutte le tesi pubblicate;
  4. scegliere degli argomenti ed essere avvertito non appena viene pubblicata una nuova tesi riferita agli stessi.

Non riesci a trovare quello che cercavi?

Registrati al sito e:

  1. Cerca altre tesi correlate a "basilea III"
  2. Scrivi alla redazione per ricevere aiuto (solo gli utenti registrati possono usufruire gratuitamente del servizio)