Domande aperte vs domande chiuse:

Questa pagina è tratta da: Tecniche dell'intervista e del questionario (riassunto) di Alessio Bellato.

[« Torna all'indice di questo riassunto]

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.

Scarica questo riassunto Consultabile gratuitamente in formato PDF

Navigazione rapida:
Altri appunti correlati:

Domande aperte vs domande chiuse


Esse possono produrre differenze nella frequenza con cui gli intervistati danno le risposte, in base a:
come l’intervistato interpreta la domanda;
quanto è accurata la ricerca di info pertinenti in memoria;
quanto tempo c'è a disposizione;
se il soggetto giudica la domanda pertinente o adeguata.
Vantaggi formato aperto:
non é associato ad alcun effetto distorcente;
permette di misurare ciò che è saliente per il soggetto
Svantaggi formato aperto:
è più vulnerabile alle interpretazioni soggettive: se gli intervistati si adeguano al principio di cooperazione, tenderanno a non riportare opinioni ovvie o irrilevanti per loro (che potrebbero essere rilevanti per l'intervistatore);
i soggetti sono più restii ad esprimere un’opinione;
richiede all’intervistato un compito di recupero delle informazioni in memoria, gravoso e suscettibile di distorsioni;
percentuale più alta di non-risposte, incomplete o inadeguate;
Vantaggi formato chiuso:
valuta l’importanza di una gamma di problemi, opinioni, comportamenti, salienti;
l'insieme delle categorie di risposta può suggerire all’intervistato opzioni di risposta che non avrebbe magari considerato;
compito di riconoscimento: maggior quantità di info ricordate con minore sforzo;
tasso più elevato di risposta;
Svantaggi formato chiuso:
associato ad effetti distorcenti: l’insieme delle categorie di risposta può non comprendere la vera opinione del soggetto;
tasso più elevato di risposte distorte;
Il formato chiuso è utilizzabile quando per un singolo oggetto è possibile costruire una scala nella quale ciascun punto rappresenta una diversa gradazione di una certa caratteristica dell’oggetto o quando si prevede un elenco di categorie, ciascuna delle quali rappresenta un attributo saliente dell’oggetto in rapporto alla variabile misurata.
Le domande aperte vengono utilizzate nelle ricerche preliminari o nella fase di ricerca pilota, mentre quelle chiuse sono frequenti nelle indagini relative ad argomenti sui quali esistono già parecchi dati.
di Alessio Bellato