Il ciclo di affreschi con le storie di San Francesco d'Assisi alla Kalenderhane Camii in Istanbul

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Melissa Tondi Contatta »

Composta da 81 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2921 click dal 07/02/2007.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo.

Anteprima della Tesi di Melissa Tondi

Anteprima della tesi: Il ciclo di affreschi con le storie di San Francesco d'Assisi alla Kalenderhane Camii in Istanbul, Pagina 1
Mostra/Nascondi contenuto.
- 4 - INTRODUZIONE [ ]quand ecco, all improvviso, emerse sulla terra un uomo nuovo, e all apparire subitaneo di un nuovo esercito, i popoli furono ripieni di stupore davanti ai segni della rinnovata et apostolica. ¨ ora d un tratto portato alla luce la perfezione gi sep olta nella Chiesa primitiva, di cui il mondo leggeva s le meraviglie, ma non vedeva l esempio [ ] . (3 Celano,1) Si potrebbe partire da questa frase, scritta da Tommaso da Celano, per spiegare come venne alla luce, cos all improvviso , un ciclo frammentario di affreschi narrante le storie di San Francesco, sepolto all interno di una chiesa bizantina a Costantinopoli, l attuale Kalenderhane Camii, che nulla aveva da spartire nØ con l uomo nuovo frate Francesco nØ con il nuovo esercito i francescani. Si cap subito che queste storie agiografiche sul Poverello d Assisi dovevano essere inserite nel periodo della dominazione latina, perchØ dopo la Crociata del 1204, proprio grazie ai mercanti veneziani, pisani e genovesi che ne ampliarono la diffusione nella Capitale bizantina, i francescani si insediarono definitivamente nella citt . Com Ł evidente, la straordinaria portata della scoperta consiste, oltre all anomala collocazione e all eccezionale scelta del soggetto raffigurato, anche nella ottima resa pittorica e narrativa delle scene, nonostante la perdita sfortunatamente della maggior parte degli affreschi.