Studio del sistema Airsar e classificazione di immagini Sar polarimetriche di aree suburbane

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Alessandro Tomasuolo Contatta »

Composta da 302 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1160 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo.

Anteprima della Tesi di Alessandro Tomasuolo

Anteprima della tesi: Studio del sistema Airsar e classificazione di immagini Sar polarimetriche di aree suburbane, Pagina 11
Mostra/Nascondi contenuto.
8 Il Jet Propulsion Laboratory Il sistema AIRSAR è stato progettato e realizzato presso il JPL. Il Jet Propulsion Laboratory è il centro di ricerche del "California Institute of Tecnology for the National Aeronautics and Space Administration (NASA)": oltre ai radar di immagini, progetta ed attua missioni spaziali di nuova generazione, allo scopo di esplorare non solo il Sistema Solare ma anche il resto dell'Universo. Dal 1958 ad oggi, il JPL ha esplorato, con le sue navicelle spaziali, tutti i pianeti del Sistema Solare, ad eccezione di Plutone. Le strumentazioni ideate per le navicelle spaziali si sono dimostrate utilissime per lo studio della Terra, della sua superficie ed atmosfera, del clima, della geologia e della oceanografia (tutti campi trattati anche con i radar di immagine). Le origini del JPL La storia del JPL risale agli anni '30, quando il Prof. Theodore Von Karman (capo del Laboratorio Aeronautico di Guggenheim), insieme ad un gruppo di studenti, condusse esperimenti pionieristici sui razzi a propulsione: il primo motore a razzo fu acceso il 31 ottobre 1936. Pochi anni più tardi, quando già era scoppiata la seconda guerra mondiale, Von Karman studiò approfonditamente – su commissione dell'esercito – i V2 tedeschi e soprattutto la possibilità di rilevare e neutralizzare i missili teleguidati. In quell'occasione, il Professore ed il suo staff (formato da circa cento ingegneri e duecento tecnici) si autodefinirono per la prima volta "The Jet Propulsion Laboratory". Come "JPL" diedero inizio a esperimenti di radio- telemetria riguardo i missili e alla progettazione di radar terrestri e di apparecchiature radio: realizzarono così il missile Corporal, il quale era