Dipendenza da Internet: aspetti teorici e un contributo di ricerca

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Milena Conti Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4229 click dal 16/12/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo.

Anteprima della Tesi di Milena Conti

Anteprima della tesi: Dipendenza da Internet: aspetti teorici e un contributo di ricerca, Pagina 9
Mostra/Nascondi contenuto.
Tra le nuove dipendenze colpisce prevalentemente i maschi (forse il 3-5% della popolazione maschile). Si tratta di una relazione malata, La dipendenza distorta con il sesso attraverso la quale la persona cerca di alleviare lo da sesso stress evitando sentimenti dolorosi e fuggendo da relazioni intime di fronte alle quali emerge una profonda inadeguatezza nella capacità di gestirle. Il dipendente da sesso ha una difficoltà a vivere il sesso naturalmente, ovvero come una relazione intima con uno scambio di piacere. La relazione è invece di tipo ossessivo. Nell’ambito delle dipendenze sessuali di recente si parla anche di cybersesso, una forma di dipendenza che unisce sesso e tecnologia, caratterizzata appunto dalla ricerca incontrollata di sesso online, con disastrose conseguenze sulla vita familiare, socio-relazionale e lavorativa (Cantelmi, 2007). L’amore per i dipendenti affettivi è ossessivo, inibito, parassitario. Il dipendente affettivo ha paura della separazione, della solitudine, La dipendenza della distanza e manifesta un bisogno disperato di sicurezza affettiva (Guerreschi, 2005). Con l’espressione shopping compulsivo si intende il bisogno compulsivo di acquistare anche oggetti di scarso valore, magari Lo shopping inutili, pur di scaricare una tensione interna dolorosa. compulsivo Il sollievo è transitorio poiché il senso di vuoto descritto dai pazienti ricompare, pertanto, la spinta compulsiva si fa nuovamente forte e il soggetto torna ad agire, senza controllo, il comportamento dell’acquisto (Minnino, 2007). Oggi tale forma di dipendenza viene favorita dalla rete. Anche se non si possiede subito la merce, il solo fatto di avere effettuato l’acquisto provoca una gratificazione immediata da cui deriva una forte attivazione emozionale. 10