Concetto di attività produttiva:

Questa pagina è tratta da: Diritto Commerciale (riassunto) di Alexandra Bozzanca.

[« Torna all'indice di questo riassunto]

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.

Scarica questo riassunto Consultabile gratuitamente in formato PDF

Navigazione rapida:
Altri appunti correlati:

Concetto di attività produttiva

L'impresa è attività produttiva di nuova ricchezza. Questa definizione esclude dalla categoria di impresa le attività di mero godimento (attività che non dà luogo alla produzione di nuovi beni e servizi; ad es. il proprietario di immobili che ne gode i frutti concedendoli in locazione). Un'attività può costituire allo stesso tempo godimento di beni preesistenti e produzione di nuovi beni o servizi (es. albergatore).
Gli atti di investimento, speculazione e finanziamento, quando siano coordinati in modo da configurare un'attività, possono dar vita ad impresa se ricorrono i requisiti dell'organizzazione e della professionalità (es. società finanziarie che erogano crediti con mezzi propri –s. di leasing-).
È ormai opinione diffusa che la qualità di imprenditore deve essere riconosciuta anche quando l'attività produttiva svolta è illecita. Vi possono essere due tipi diversi di impresa illecita:
Impresa illegale: attività svolta in violazione di norme che disciplinano concessioni, licenze, autorizzazioni (es. attività bancaria senza la prescritta autorizzazione governativa);
Impresa immorale: è illecito l'oggetto stesso dell'attività (es. contrabbando di sigarette, fabbricazione o commercio di droga). L'illecito compiuto dall'imprenditore immorale è più grave rispetto a quello dell'imprenditore illegale.
Questo riconoscimento dell'attività d'impresa estesa anche alle imprese illecite risponde all'esigenza di tutelare eventuali creditori di queste e di sottoporle alla disciplina fallimentare.

di Alexandra Bozzanca