Transizione e democrazia. Forme di governo a confronto: i casi polacco e ungherese.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Nicolò Caruso Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 250 click dal 03/07/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Nicolò Caruso

Estratto dalla tesi: Transizione e democrazia. Forme di governo a confronto: i casi polacco e ungherese.
Mostra/Nascondi contenuto.
21 nessuno dei movimenti principali politici ha scelto di denominarsi "partito" (Solidarnosc in Polonia, Forum Democratico in Ungheria), inoltre i leader carismatici come Walesa in Polonia, si sono rifiutati di guidare o iscriversi a partiti politici. Secondo Linz " non esiste una democrazia consolidata senza che vi sia un dominio della legge relativamente autonomo 18 ". Sempre secondo lo stesso autore, "alcune delle norme o delle consuetudini che concorrono a creare questa autonomia della legge derivano dal fatto che i codici legislativi si basano in modo significativo sullo sviluppo delle proprie logiche interne" 19 . Durante il periodo di "stalinismo" la concezione della legge era completamente diversa. Questa proponeva principi completamente dipendenti dalla missione rivoluzionaria del comunismo, una delle dottrine centrali era che "sotto il socialismo la politica e la pianificazione rimpiazzeranno la legge" 20 . Dal momento in cui il leader e il partito-stato determinano sia la politica, sia la pianificazione, non vi è spazio per un sistema giuridico capace di comprimere e vincolare l'uno o l'altro; un sistema nel quale il leader governa senza limiti è un sistema che si colloca concettualmente all'opposto del moderno costituzionalismo democratico. Alcune delle norme più rilevanti emerse nel periodo post-stalinista erano destinate più a stabilire specifiche procedure per limitare libertà di controllo dei 18 J. Linz, A. Stepan, L'Europa post- comunista, Il Mulino, 2000, Bologna p. 22. 19 J. Linz, A. Stepan, L'Europa post- comunista, Il Mulino, 2000, Bologna, p. 23. 20 Pashukanis è stato un giurista sovietico. Nelle sue opere Pashukanis identifica nel diritto l'espressione di rapporti di classe tipici del sistema produttivo capitalistico. Il diritto borghese accoglie una nozione di individuo che corrisponde a quella di soggetto economico, compratore o venditore, operante sul mercato. Secondo la sua visione, il fenomeno giuridico sorge infatti quando inizia l'opposizione tra le classi, cioè quando gli esseri umani diventano portatori di diritti in quanto soggetti economici appartenenti ad una certa classe. . Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Evgenij_Bronislavovi%C4%8D_Pa%C5%A1ukanis.