Skip to content

Dieta Robert Atkins

Dieta Robert Atkins


Era un cardiologo statunitense che circa vent'anni fa pubblicò un lavoro dal nome "Dr. Atkins' New Diet Revolution". L’ormone FMH (Fat Mobilizing Hormone) viene secreto dall'ipofisi ed è deputato alla mobilizzazione (consumo) dei grassi; questa secrezione però avviene soltanto quando nell'organismo non ci sono zuccheri disponibili ad essere usati come fonte di energia tanto da costringerlo a pescare nei depositi di grasso. Per aumentare la produzione dell'ormone FMH è necessario eliminare del tutto gli zuccheri e i carboidrati. Ma solo questi due elementi; per il resto non ci sono limitazioni. E’ questa è la carta vincente della dieta: dovete solo badare al "cosa" ma non al "quanto".
La dieta del dr. Atkins, è una delle più famose diete a basso apporto di carboidrati, limita l’assunzione dei carboidrati a 20 g al giorno, che corrisponde a meno di 1/6 della quantità raccomandata dalle linee guida nazionali. Riducendo l’introito giornaliero di carboidrati l’organismo deve utilizzare le riserve muscolari ed epatiche di glicogeno come fonte di energia. In questa situazione di stress metabolico l’acqua associata al glicogeno è rilasciata e questo è il meccanismo che determina la cospicua perdita di peso osservata abitualmente dopo una settimana di dieta a basso contenuto di carboidrati. In una situazione di deficit energetico l’organismo inizia ad utilizzare anche i grassi ma, in assenza di carboidrati, l’ossidazione dei grassi porta a sviluppare delle sostanze chiamate corpi chetonici la cui concentrazione aumenta nel sangue creando uno stato chiamato di chetosi. Lo stato di chetosi determina, a volte, una soppressione dell’appetito che agevola a sua volta l’aderenza alla dieta. Il dr. Atkins sostiene che la chetosi sia “una condizione sicura, naturale e necessaria alla perdita di peso”.
Una recente revisione pubblicata su JAMA ha inoltre evidenziato che la perdita di peso nei soggetti che seguono la dieta Atkins sembra essere dovuta più al suo basso apporto calorico che non alla restrizione di carboidrati; inoltre non è stata evidenziata alcuna correlazione tra i livelli di corpi chetonici nel sangue e la perdita di peso corporeo; anzi, uno stato di chetosi prolungato può favorire la deplezione dei minerali nelle ossa.
Tratto da ENDOCRINOLOGIA di Lucrezia Modesto
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro