Skip to content

Regolazione fame-sazietà


Lo stomaco secerne: “grelina, leptina, GRP”.
Il pancreas secerne: “enterostatina, glucagone, insulina, PP”.
Il duodeno secerne: “colecistochinina (CCK)”.
Il colon e l’ileo secernono: “GLP1, PYY”.
Il GLP1 agisce a livello delle β-cellule pancreatiche aumentando la secrezione di insulina e la sensibilità al glucosio; a livello delle α-cellule pancreatiche diminuisce la secrezione di glucagone; a livello del SNC aumenta la nausea e la sazietà diminuendo così l’apporto di cibo e il peso corporeo; a livello dello stomaco riduce lo svuotamento gastrico.
La leptina, la grelina, l’insulina e il PYY (dell’ileo) inviano segnali all’ipotalamo a lungo termine e sono correlate all’adiposità. Il PYY (del colon), il GLP1, la CCK agiscono a breve termine attraverso il nervo vago e sono correlate al pasto.
Se l’organismo ha un bilancio energetico negativo e registra una perdita di peso, la leptina e l’insulina diminuiscono; poiché si ha un aumento dello stato anabolico (NPY e AGRP aumentano) e una diminuzione di quello catabolico (POMC e CART diminuiscono) viene stimolata la fame e ridotto il metabolismo basale.
Se l’organismo ha un bilancio energetico neutrale e mantiene il suo peso usuale, la leptina e l’insulina non subiscono variazioni e sia la fame che il metabolismo basale rimangono normali.
Se infine l’organismo ha un bilancio energetico positivo e registra un aumento di peso, la leptina e l’insulina aumentano;  poiché si ha una diminuzione dello stato anabolico (NPY e AGRP diminuiscono) e un aumento di quello catabolico (POMC e CART aumentano) viene inibita la fame e aumentato il metabolismo basale.
La Sibutramina diminuisce il senso di sazietà ma aumenta il rischio di infarti e ictus; inoltre non ha effetti positivi a lungo termine.
Tratto da ENDOCRINOLOGIA di Lucrezia Modesto
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi: