Skip to content

Secondary failure con ipoglicemizzanti orali


Per secondary failure della terapia con ipoglicemizzanti orali si intende l’inefficacia clinica di questi a dosi massimali dopo 6-12 mesi dalla diagnosi di diabete. In questi casi è necessario instaurare una terapia insulinica da sola o più spesso associata agli ipoglicemizzanti orali. La somministrazione di piccoli dosi di insulina ad assorbimento lento (NPH o Gl’argine) o pronto (Regular, Lispro, Aspart o Glulisina) è indicata per coprire il fabbisogno di insulina basale e postprandiale in quei pazienti in cui la terapia massimale con ipoglicemizzanti orali è sconsigliata per il pericolo di crisi ipoglicemiche (si tratta spesso di pazienti anziani o con insufficienza renale o epatica).

Tratto da ENDOCRINOLOGIA di Lucrezia Modesto
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro