Skip to content

LA MISURA UMANA IDEALE


La MISURA UMANA IDEALE deve rispondere ai BISOGNI e alle ASPIRAZIONI dell’uomo.
L’architettura infatti risponde alla domanda che cos’è un uomo in essenza in termini di bisogni e aspirazioni a partire dalla sua spazio temporalità.
Un’architettura è un’opera d’arte quando simboleggia un’idea di uomo, infatti osservando alcuni interni viene fuori una precisa idea di uomo e si coglie lo spazio temporalità, basti pensare ad alcuni interni di Loos o al contrario a quegli spazi che sono ostili alla vita umana.

Tipi di soggettività
→  RELATIVISMO ovvero qualcosa di meramente personale
→ INTERSOGGETTIVITA’ ovvero qualcosa che si può argomentare perché è condivisibile e non meramente soggettivo o legato ad un gusto personale.

Definizione di architetto data da Umberto Eco ne “La struttura assente”
“È costretto a diventare sociologo, politico, psicologo, antropologo, semiologo…ma, insieme, e soprattutto, deve essere chi l’etimologia della parola che indica il suo mestiere che è…costruttore di cose prime e di cose eccellenti” e ancora “l’architetto si trova condannato, ad essere forse l’unica e ultima figura di umanista della società contemporanea”.

Formaggio afferma che progettare significa dover rispondere alla domanda sulla relazione tra libertà e necessità e si interroga sulla questione se progettare è un atto libero o meno, a tal proposito cita Spinoza che formula una nozione di autonomia non fondata sull’assenza della necessità alla presenza della libertà ma su entrambe, e arriva ad argomentare che la prassi umana è una prassi di libertà e di necessità insieme.
La libertà di un architetto quindi non è l’affermazione della sua autodeterminazione ma l’affermazione della sua autodeterminazione all’interno di una storia fatta da leggi che servono per comparare il lavoro dell’architetto con il numero infinito di comparazioni possibili e fornire l’occasione di un superamento attraverso appunto la comparazione con altro da sé.

Le varie classificazione che sono state fatte nel corso della storia e che oggi si fatica a fare, sono un esercizio di comparazione che spinge ad immaginare alternative possibili prima di trasformare una soluzione di partenza in un oggetto che ha un peso dal quale è complicato poi tornare indietro.
La storia delle classificazioni insegna che continuare a mettere alla prova classificazioni significa continuare a dare agli oggetti la possibilità di essere una risposta credibile a una domanda sul senso che questi hanno per gli uomini e si tratta di una risposta che passa per necessità attraverso la loro identità e la relazione che hanno con noi uomini,

Distinzione tra diversi ambiti di ricerca
→ MIOPI (es. scienziati) vedono da vicino ma non da lontano, hanno uno sguardo specialistico con un andamento verticale
→ PRESBITI (es. umanisti) vedono da lontano ma non da vicino, hanno uno sguardo lungimirante, che gli consente di immaginare il futuro
Tratto da ESTETICA DELL'ARCHITETTURA di Francesca Zoia
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Storia della filosofia

Gli appunti si concentrano sul concetto di anima nella storia della filosofia, partendo dagli autori presocratici arrivando fino a Freud.