Skip to content

La condizione dell'artigiano nell'impero romano


Si può essere artigiani e al tempo stesso veri e propri romani? Viene spontaneo porsi una simile domanda considerando il disprezzo ostentato dall’intellighenzia romana per tutto ciò che abbia a che fare con l’attività artigianale e con ogni forma di lavoro salariato. Ogni attività artigianale o manifatturiera è interdetta all’uomo dabbene: l’artigiano è relegato alla condizione di sotto uomo o cittadino di seconda categoria. Lo stesso può dirsi dell’artista o del tecnico (per i Romani infatti il vero autore di un’opera non è colui che l’ha realizzata ma colui che l’ha commissionata; l’artefix resta un esecutore al servizio del committente). Se è relativamente facile studiare i prodotti artigianali del mondo romano, è invece molto difficile farsi un’idea sufficientemente precisa della persona e del comportamento dell’artigiano. Egli compare nelle nostre fonti solo quando la legge o il diritto se ne interessano o quando produce qualche innovazione tecnica. Le nostre informazioni sugli artigiani romani sono contenute in 3 generi di documenti: testi nei quali costituiscono l’argomento principale; iscrizioni; i prodotti che hanno fabbricato. A seconda del documento con cui lo considereremo apparirà come meschino e sfacciato, oppure come un maestro nella sua arte e un notabile nella sua città.
L’artigiano romano non godeva di quella autonomia e iniziativa che la sua professione implica ai nostri occhi. In base alla sua condizione giuridica egli può essere libero di nascita, liberto o schivo. L’artigiano è soprattutto uomo di città essendo la sua bottega – taberna - (spesso la sua tessa abitazione) all’interno della città (in quanto forniva servizi primari alla popolazione urbana); si trattava generalmente di un lavoro maschile (ma questo non esclude la presenza femminile, radicata soprattutto nel mondo della tessitura) molto importante per gli artigiani era la loro unione e il numero; isolati non sono nulla, mentre uniti possono sperare di far sentire la loro voce nelle competizioni politiche. Di questo spirito di corpo i collegia sono la manifestazione più importante; tali non avevano finalità meramente professionali; ma a queste l’artigiano
deve la certezza di funerali decenti, di un fasto, sono un luogo di riunione, la loro schola.
Tratto da L'UOMO NELLA SOCIETÀ ROMANA di Alessia Muliere
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.