Skip to content

Sistole e diastole, atri e ventricoli

SISTOLE E DIASTOLE, ATRI E VENTRICOLI


Sistole e diastole: contrazione e rilascio non avvengono contemporaneamente in tutto il cuore. Prima si contraggono gli atri, e i ventricoli vengono rilasciati, la pressione atriale aumenta  e il sangue viene spinto verso il ventricolo (i lembi valvolari verso il basso), la valvola si apre e il sangue scende nel ventricolo. Quando inizia la sistole ventricolare il ventricolo si contrae, la pressione nel ventricolo aumenta, il sangue va verso il vaso e tende ad andare verso l'atrio, ma questa pressione fa si che la valvola si chiuda. Attività valvole alternata; diastole: si aprono le valvole atrioventricolari e si chiudono le semilunari.
Atrio destro: arriva il sangue refluo dai tessuti attraverso le 2 vene cave e il seno coronario.
Atrio sinistro: riceve sangue ossigenato di ritorno dai polmoni mediante le 2 vene polmonari.
Atri: hanno una  superficie molto liscia rispetto ai ventricoli, hanno 2 tendenze, una per ogni atrio: auricola destra e sinistra. All'interno presentano tanti rilievi muscolari
 molto ordinati chiamati muscoli pettinati. Nell'atrio destro è presente il setto interatriale che divide l'atrio destro  da quello sinistro. Sulla parete è presente una depressione che prende il nome di fossa ovale, residuo embrionale perchè non era ancora completo, era presente il forame ovale o foro di botallo (non c'è la circolazione polmonare). Nella parete inferiore sono presenti gli orifizi atrioventricolari.
Seno delle vene cave: è presente nell'atrio destro, dove sboccano le vene cave superiore e anteriore e il seno coronario che raccoglie il sangue nel cuore stesso.
Sistole: si aprono le semilunari e si chiudono le atrioventricolari.
Lo spessore degli atri è inferiore a quello dei ventricoli.
Ventricoli: lo spessore della parte ventricolare sinistra è superiore rispetto a quella destra perchè da sinistra parte il sangue che deve raggiungere la periferia, quindi ha bisogno di maggiore pressione e di un bel contingente muscolare. Nei ventricoli arriva il sangue proveniente dalla sistole atriale, a destra quello carico di  CO2 e a sinistra quello ricco di O2. Dai ventricoli si staccano le colonne muscolari che sporgono all'interno degli stessi,  e possono essere di 3 tipi:
1) Alcune trabecole muscolari sono semplici rilievi
2) quelle del 2° tipo si staccano dalla parete, fanno una specie di ponte e si riconnettono alla parete.
3) Le ultime rimangono libere nelle cavità con una estremità che da inserzione alle corde tendinee, queste sono i muscoli capillari.
Dal ventricolo destro nasce il tronco polmonare che porta il sangue ai polmoni. Meno pressione meno muscoli. 

Tratto da LA CONFORMAZIONE DEL CUORE di Stefania Corrai
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi: