Skip to content

L'età della sfida


Verso l’inizio del terzo anno di età i bambini cominciano a manifestare delle nuove esigenze, a pretendere una maggiore autonomia e indipendenza dai genitori. I problemi che insorgono in questo periodo sono legati in parte a una determinata fase evolutiva, ma dipendono anche dalla capacità e dalla volontà dell’adulto di accompagnare il bambino lungo il suo percorso di crescita. Inoltre i conflitti che si verificano nei “terribili due anni” rivelano qualcosa sulla qualità dell’interazione fra genitori e figli nei due anni precedenti.
Molti genitori sono riluttanti a rinunciare al totale controllo e non riescono a rallegrarsi sinceramente del bisogno di autonomia dei figli; è probabile allora che si generi un conflitto potere.
Nel rapporto di cooperazione fra genitori e figli è essenziale che possano sperimentare, anche se i risultati sono ancora imperfetti. Bisognerebbe aiutarli solo quando lo chiedono.
I bambini hanno potenzialità straordinarie quando si tratta di imparare qualcosa. Se, di punto in bianco, i bambini manifestano la volontà di fare da soli, è opportuno sostenerli nei loro sforzi e aiutarli.
I genitori non perdono la loro influenza né la loro enorme importanza per i figli se li avviano sulla strada di una maggiore  autonomia. Invece conquistano un po’ più di tempo per se stessi e per stare insieme.

Tratto da LA FAMIGLIA È COMPETENTE di Anna Bosetti
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro