Skip to content

La tv nell’età della convergenza


È possibile individuare 3 età che corrispondono a 3 tv:
    •    età della SCARSITA’ (anni ’50-’60)
    •    scarsità di frequenze, canali e programmi
    •    testi distinti e separati gli uni da gli altri
    •    la tv modernizza la società e unifica la nazione [USA sistema commerciale dominato da 3 entità (ABC, CBS, NBC); Europa sistema monopolistico nelle mani dello Stato (Servizio Pubblico)]
    •     età della DISPONIBILITA’ (anni ’70-’80)
    •    moltiplicazione delle possibilità (nuovi canali) grazie alla nascita della società consumistica e flusso di canali e programmi
    •    i testi si accavallano l’uno all’altro e i confini vengono meno
    •    fine delle 3 grandi reti americane e del monopolio statale europeo grazie alla deregulation che abolisce i limiti economici e politici
    •    l’introduzione delle nuove tecnologie apporta mutamenti tecnici (canali via cavo e satellitari, telecomando, videoregistratore) e nel rapporto tv-spettatore
    •     età dell’ABBONDANZA (dagli anni ’90)
    •    quantità sovrabbondante e nascita della “MultiTv” (moltiplicazioni di istituzioni produttive, modalità e strumenti di distribuzione, pratiche e forme di consumo), per cui i canali si moltiplicano e si specializzano ( broadcasting diventa narrowcasting)
    •    la tecnologia digitale abolisce i confini tra media differenti (la tv si stacca dal televisore) e tra Paesi (i programmi viaggiano), amplia la possibilità di scelta (interattività e personalizzazione) e rende il pubblico un prosumer ( producer e consumer, perché costruisce il proprio palinsesto e personalizza la propria esperienza televisiva)
    •    abbondanza è pienezza unitaria (converge in un testo) e molteplice (dal testo parte un flusso incessante)
    •    divergenza di hardware e convergenza di contenuti

La convergenza è un processo che consiste in un flusso di contenuti su più piattaforme, in una cooperazione tra diversi settori e un migrare delle pubblico alla ricerca di nuove esperienze di intrattenimento. Può essere mediale (sono i produttori che controllano il flusso) o culturale (sono i consumatori a controllare questo flusso).
Questa convergenza, insieme a 4 altre dimensioni (tecnologica, politico-istituzionale, economica e culturale), crea il nuovi testo televisivo.
Tratto da LA TELEVISIONE COME TESTO ESPANSO di Francesca Masciadri
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi: