Skip to content

Patologia achillea: rotture tendinee del distretto posteriore del piede


Sono conseguenza di una brusca contrazione muscolare.
Sono frequenti in tendini con preesistenti alterazioni degenerative.
Le rotture dovute ad un forte evento traumatico sono sicuramente le meno significative dal punto di vista numerico; le più importanti sono quelle legate ad un precedente processo degenerativo, che ha provocato la rottura del tendine per eventi traumatici assolutamente banali o addirittura inesistenti, infatti molti soggetti al momento della rottura non stavano facendo niente  o stavano semplicemente camminando.

Sintomatologia:
-Dolore
-Tumefazione, massiccia (il profilo del tendine che solitamente si osserva è assente)
-Presenza di un solco tendineo (avvallamento lì dove il tendine si è interrotto)
-Flessione plantare attiva del piede assente

Diagnosi:
Ecografia
Anche solo con il tatto si può notare la presenza di una interruzione del tendine; il soggetto non riuscirà a mettersi in punta di piedi o a fare una flessione plantare.

Trattamento:
Deve essere chirurgico: il tendine risulta essere sfilacciato, ciò significa che era già degenerato, perché se la rottura fosse legata solo all’evento traumatico subìto la linea sarebbe netta invece è quasi sempre sfilacciata, quindi è un tendine che è andato piano piano degenerando fino a cedere)  questo è un problema perchè la sutura del tendine che è una sutura termino-terminale deve essere fatta su un tessuto sano, quindi la parte sfilacciata deve essere portata via e il tendine può risultare accorciato, è chiaro quindi che è un incidente che in ambito sportivo ha la sua gravità perché attraverso questo intervento andremo a ridurre la flessione plantare.
Tratto da MALATTIE DELL'APPARATO LOCOMOTORE di Irene Mottareale
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi: