Skip to content

Quadro radiografico della scoliosi


- sede della curva
- alterazione di forma dei corpi vertebrali (aspetto trapezoidale)
- grado della curva (metodo di Cobb)
- entità della rotazione (metodo di Nash e Moe)
- età scheletrica del rachide (test di Risser)
Una volta che si è avuta la possibilità di poter andare a verificare la presenza di questi segni clinici e che quindi ci si è fatti un’idea della possibile presenza di una scoliosi, la conferma deve richiedere un esame radiografico che deve essere condotto su tutta la colonna vertebrale, perché c'è una curva primitiva e una secondaria quindi se la facciamo solo su un tratto ne possiamo vedere solo una e ci sfugge l’altra, non solo ma deve anche essere condotta con il soggetto in stazione eretta sotto carico perché se il soggetto è disteso sul lettino può facilmente assumere delle posizioni viziose allora invece di andare ad identificare una scoliosi potremmo andare a verificare un atteggiamento scoliotico che sono due cose assolutamente diverse.
L’esame radiografico ci consente di vedere innanzitutto se la scoliosi è presente, dove questa scoliosi è localizzata, e poi ci mette in evidenza anche quelle che sono le alterazioni di ogni singolo corpo vertebrale, la più caratteristica è quella di assumere un tipico aspetto trapezoidale perché sono delle vertebre che subiscono degli schiacciamenti.
Tratto da MALATTIE DELL'APPARATO LOCOMOTORE di Irene Mottareale
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro