Skip to content

Origine dell'ermetismo



Movimento di pensiero nato nella tarda grecità che si ispira alla filosofia neoplatonica e neopitagorica. Ermete è il dio greco identificato con l'egizio Thot, inventore delle lettere dell'alfabeto e interprete della sapienza divina. Dal 3° sec a.c. si sviluppa sotto tale nome una ricca letteratura. Molti padri della chiesa considerano Ermete un profeta pagano d Cristo. 2 gruppi di testi: ermetismo popolare e dotto (Codice ermetico e Asclepius). La dottrina del Corpus sintetizza idee psicologiche orifico-platonico-pitagoriche, la cosmologia stoica, l'astralismo caldaico e la fisica cristiana, anche se nasce sullo sfondo della scuola di Ammonio Sacca. Temi: Dio come Bene e padre di tutto; Logos come figlio primogenito dal quale deriva l'intelletto demiurgico, Anthropos come uomo incorporeo...il cuore come un santuario, e nei suoi recessi gli dei custodiscono divini misteri. ma in esso han sede anche i vizi dell'anima. Il cuore è anche il mezzo di visione della luce, per cui bisogna guardare in alto con gli occhi del cuore. Con la gnosi va formato un nuovo corpo indissolubile e immortale. C'è anche una corrispondenza tra elementi cosmici e componenti dell'anima. Per ascendere verso l'alto bisogna conoscere se stessi, entrando in Dio denudati da ciò che appartiene alle sfere. Il Padre è silenzio insondabile e la divinizzazione è realizzare in sè l'immagine di Dio. Il silenzio consente la discesa della grazia di Dio.
Tratto da ORIGINI GRECHE DELL'ESICASMO di Dario Gemini
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi: