Skip to content

Trattamento della coxartrosi


È possibile trattare alcune forme di coxartrosi in fase iniziale con intervento chirurgico conservativo mirato a correggere l'anatomia e la biomeccanica, al fine di distribuire il carico a una superficie più ampia; tali interventi consistono in osteotomie di femore e di bacino.

Nelle coxartrosi in forma avanzata si ricorre invece all' artroprotesi che prevede la sostituzione dell'articolazione con una protesi che può essere: cementata, non cementata. Nel caso di protesi totale, o artroprotesi, si ha la sostituzione della componente femorale e della componente acetabolare; nel caso di protesi parziale, o endoprotesi, viene sostituita solo la porzione femorale.

Le componenti protesiche sono costituite da una porzione "articolare", che deve riprodurre il movimento articolare, e una di "ancoraggio" che provvede all'ancoraggio dell'osso. In base alla modalità di ancoraggio si distinguono le protesi:
- cementate (ancorate al tessuto osseo per interposizione di polimetilmetacrilato o cemento acrilico)
- non cementate (a press-fit)

Nelle protesi cementate la stabilità dell'impianto e data dalla presenza del cemento che offre la sua massima resistenza già dopo pochi minuti dall'inserimento.
Nella maggior parte dei casi è permesso l'immediato carico completo con l'ausilio di un deambulatore o di un bastone.
Vengono usate prevalentemente nei soggetti anziani che non richiedono un particolare ritorno all'attività fisica; hanno il vantaggio di permettere una stabilità pressoché immediata e consentono l'inizio precocissimo della riabilitazione, d'altro canto presentano un maggior problema nel caso si renda necessario col tempo una revisione della protesi.

Nelle protesi non cementate la fissazione iniziale è a pressione e quella completa si ha solo quando i tessuti all'interno e all'esterno dell'impianto si sono tutti formati; sono indicate nei pazienti più giovani che hanno maggiore richiesta di tornare a compiere attività fisiche. La stabilità primaria è data dalla perfetta congruenza tra la cavità ossea e la forma dell'impianto; successivamente avvengono fenomeni di neoformazione ossea attorno alla protesi che conferiscono la stabilità secondaria dell'impianto. Tali protesi richiedono maggior difficoltà chirurgica e il carico completo nella fase riabilitativa viene ritardato: di solito una stabilità adeguata viene raggiunta prima dei 6 mesi, in questi casi si consiglia un carico sfiorante per le prime 6 settimane. Hanno però il vantaggio di garantire una fissazione naturale della protesi all'osso e minor problemi in caso di revisione della protesi.
Tratto da PATOLOGIE DELL'ANCA: COXOARTROSI di Stefania Corrai
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro