Skip to content

Cognitivismo


Cognitivismo: la psicologia cognitivista invece studia i processi cognitivi fondamentali per l’elaborazione delle info, tenendo conto di percezione, memoria e sensazione.
Dopo l’input dello stimolo, ad esempio una parola, nella mente avviene l’elaborazione della forma e del suono delle lettere, del significato della parola e infine l’output.
Tra i cognitivisti ci furono Tolman (con l’apprendimento latente) e Craik (con la concezione dell’uomo come servo/meccanismo).

La psicologia come scienza nasce alla fine dell’800, con Wundt che apre un laboratorio di psicologia sperimentale a Lipsia.
La psicologia si sviluppa più tardi rispetto alle altre scienze perché non si riusciva a misurare scientificamente i processi cognitivi.
La soluzione a questo problema fu trovata nel tempo, ovvero il tempo di esecuzione di un processo cognitivo. Uno dei primi esperimenti a riguardo fu effettuato da Helmholtz nel 1850: per misurare la velocità di conduzione dell’impulso in un nervo motore di una rana, H. misurò l’intervallo di tempo tra la stimolazione elettrica e la contrazione muscolare. In seguito effettuò l’esperimento anche sull’uomo: prima la stimolazione venne effettuata a livello del polso su un muscolo che contrae il pollice, poi venne effettuata a livello del gomito sullo stesso muscolo. Il risultato fu che il tempo di reazione era maggiore nel secondo caso.

Tempo di reazione: intervallo tra la presentazione di uno stimolo e l’inizio del movimento.
Può essere di tre tipi:
- semplice: è il più veloce, a 1 stimolo segue 1 risposta. Si compone di due processi: identificazione dello stimolo ed esecuzione della risposta;
-“go-no go”: è intermedio, a 2 stimoli segue 1 risposta. Si compone di tre processi: identificazione dello stimolo, scelta dello stimolo ed esecuzione della risposta;
- di scelta: è il più lento, a più stimoli seguono più risposte. Si compone di quattro processi: identificazione dello stimolo, scelta dello stimolo, scelta della risposta ed esecuzione della risposta.

Metodo sottrattivo di Donders: si paragonano due TR, sottraendo quello più corto da quello più lungo, misurando la durata del processo in più.


Tratto da PSICOBIOLOGIA di Giulia Bonaccorsi
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Antropologia minima del piacere. Per una teoria unificata della motivazione

Appunti utili per il corso di Psicologia generale, a.a. 2010/2011. Argomenti trattati: sessualità, desiderio, dolore, emozioni, affetto, piacere, esperienza emozionale.