Skip to content

L’attività motoria volontaria e le vie di moto


L’ attività motoria ha origine nella più grande area del cervello, che è quella della corteccia cerebrale, ovvero una sostanza grigia che riveste la superficie degli emisferi cerebrali e nella quale avvengono i fenomeni di selezione, integrazione, memorizzazione delle afferenze sensitive e di elaborazione degli stimoli motori più complessi.
Nell’ area motoria primaria sono presenti le rappresentazioni corticali motorie delle diverse parti del corpo, e la sua dimensione non dipende dalla dimensione reale degli arti, ma da quante fibre nervoso è innervato il singolo muscolo.
Dall’area motoria primari origina la via piramidale la quale è principalmente deputata a movimenti volontari fini e rapidi.

Tratto da TEORIA TECNICA DIDATTICA ATTIVITÀ MOTORIA di Vincenzo Sorgente
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Teoria Tecnica Didattica Età Evolutiva

Il Corso prevede la conoscenza delle principali modificazioni funzionali nelle diverse età; la programmazione dell'attività motorie nelle diverse età; come preservare e sviluppare l' efficienza fisica nell'invecchiamento fisiologico o patologico.