Skip to content

La componente biomeccanica della postura


La componente biomeccanica della postura, si occupa di poter garantire in ogni situazione l’ equilibrio osteo-mio-articolare, ovvero il coinvolgimento osseo, articolare e muscolare che si attiva nel mantenimento della corretta postura durante una posizione sia statica che dinamica.

Possiamo notare una notevole evoluzione nella storia dell’uomo dovuto dal fatto che inizialmente si muoveva in posizione quadrupedica, e quindi il baricentro si spostava più in basso e dava una maggiore base di appoggio al soggetto. Con l’evoluzione alla posizione eretta invece le cose si sono modificate, in quanto innanzitutto il baricentro si è innalzato in relazione alla struttura antropometrica dell’individuo, e poi la base di appoggio si è nettamente diminuita dovuto dal fatto che il mantenimento dell’assetto corporeo era dato dal solo appoggio podalico.

Affinché un movimento si possa produrre, è indispensabile che si applichino delle forze generate dalla contrazione muscolare che vertono sulle estremità di un braccio di leva, avvicinando o allontanando i punti di origine ed inserzione dello stesso. Quando si parla di allontanamento dei segmenti muscolari, come nel caso di una estensione, allora significa che il muscolo agonista (es. tricipite) risponde al movimento di estensione passiva o attiva dell’avambraccio

Lo spostamento è dato non solo dall’applicazione della forza ma anche da:
• Gradi di libertà articolare;
• Geometria dei rapporti intersegmentari;
• Impedenza meccanica del sistema.
La forza che ogni muscolo è in grado di produrre dipende dal rapporto tra le condizioni meccaniche di lavoro e la lunghezza dello stesso, perché il sistema nervoso per creare una azione sfrutta proprio l’allungamento e l’accorciamento muscolare.

La funzione antigravitaria, non è altro che la risposta motoria del corpo alla forza di gravita, in cui si attivano degli automatismi neuromuscolari che regolando i gradi articolari e garantiscono il mantenimento di una corretta postura.

Le articolazioni che sono maggiormente convolte sono:
1. Sotto astragalica;
2. Mediotarsica;
3. Tibio-peroneo astragalica.

Il piede rappresenta la base di appoggio sul quale si scaricano le forze provenienti dalla parte superiore del nostro corpo, cui la porzione che è in diretto contatto con il suolo è la volta plantare, che si deve adattare alle varie superfici in modo tale da poter permettere una corretta postura, mantenendo invariata la posizione della caviglia e del ginocchio.

Il ginocchio viene considerato come una articolazione ad un solo grado di libertà, ovvero quello di rotazione sul piano sagittale, a differenza dell’anca, la quale essendo una enartrosi è capace di produrre dei robusti contrasti passivi.

Tratto da TEORIA TECNICA DIDATTICA ATTIVITÀ MOTORIA di Vincenzo Sorgente
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Teoria Tecnica Didattica Età Evolutiva

Il Corso prevede la conoscenza delle principali modificazioni funzionali nelle diverse età; la programmazione dell'attività motorie nelle diverse età; come preservare e sviluppare l' efficienza fisica nell'invecchiamento fisiologico o patologico.