Skip to content

Assetti istituzionali delle imprese e organizzazioni non profit

Le forme istituzionali d’impresa sono:
a) l’impresa capitalistica classica, nella quale è presente l’imprenditore-capitalista, proprietario dei mezzi di produzione e gestore diretto dell’attività produttiva;
b) l’impresa manageriale, nella quale si ha una scissione tra la proprietà e il governo dell’impresa stessa;
c) l’impresa cooperativa, nella quale vi è una comunanza assoluta di scopi tra coloro che vi partecipano;
d) l’organizzazione non profit, nella quale si ha l’amministrazione fiduciaria di capitali forniti in prevalenza dallo Stato o da contribuzioni volontarie per raggiungere finalità sociali.

A tali modelli si affianca in certi Paesi l’impresa post-manageriale, caratterizzata dalla cogestione delle risorse e dalla diretta partecipazione di datori di lavoro e lavoratori ai risultati aziendali.

Riassumendo quanto detto sui modelli di governo dell’impresa, possiamo pervenire a una classificazione in base alla natura del soggetto imprenditoriale: modello del piccolo imprenditore (persona fisica); modello dell’imprenditore familiare (gruppo parentale); modello dell’imprenditore delegato (gruppo professionale); modello dell’imprenditore di gruppo (gruppo societario).
di Domenico Valenza
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.