Skip to content

Il senso della questione

La filosofia equivale ad una sorta di autoconfessione, ad una specie di memorie. Filosofare significa affrontare il problema della vita.
In quanto si preoccupa della vita, il filosofo si preoccupa degli altri problemi, che entrano nell'ambito filosofico perché sono collegati col problema della vita stessa.
Il problema dell'universo interessa il filosofo solo perché lo aiuta a risolvere il problema della vita, cioè il suo fine ultimo sia individuale che extraindividuale.
Finché l'uomo vive, non può non affrontare il problema del suo rapporto con Dio. Tutta la storia della filosofia è percorsa da questa ricerca, in quanto anche chi nega il significato ultimo della vita testimonia di crederci. Se Dio non fosse, tutto sarebbe vano è assurdo: neanche il male sarebbe male, e il bene, bene.
Chi non accetta che il bene equivale al male e viceversa, si dispone maniera positiva di conoscere il mistero di Dio. Sarebbe opportuno che chi nega, definisca bene chi è l'oggetto della sua negazione e, allo stesso modo, chi afferma deve dire chi è il Dio in cui crede.
di Manuela Floris
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.