Skip to content

Il wet lease

È il contratto con il quale un soggetto, esercente dell’aeromobile (lessor), si obbliga verso un corrispettivo a compiere con il medesimo i viaggi indicati dall’utilizzatore (lesee), per il trasporto di persone, nel periodo di tempo determinato dal contratto. L’equipaggio è e resta alle dipendenze del lessor, che non perde la qualità di esercente e, a differenza rispetto alla figura del dry lease, non cede il godimento dell’aeromobile, ma si obbliga a compiere un servizio con il medesimo.
Questo contratto ha avuto un’utilizzazione molto intensa nel recente periodo, perché consente alle maggiori compagnie aeree di aumentare la propria capacità di servizio senza aumentare la flotta e beneficiando dei costi più contenuti propri delle compagnie minori e perché consente alle stesse di mantenere la propria capacità riducendo la flotta e beneficiando della conseguente diminuzione di costi. Dal punto di vista del lessor, il contratto in riferimento determina la certezza dell’utilizzazione remunerativa dei propri aeromobili, senza necessità di compiere attività di marketing per l’acquisizione di clientela.
Il lessee fa eseguire al lessor la prestazione di trasporto della propria clientela, e il lessor, impegnando l’aeromobile con un unico cliente, viene ad operare in un mercato nel quale non è presente con una rete commerciale. I biglietti sono emessi a nome proprio dal lessee, che dispone di una rete commerciale nel mercato cui il contratto di wet lease si riferisce. Nei confronti del passeggero, il lessee è il vettore contrattuale, il lessor il vettore di fatto, colui che esegue la prestazione di trasporto; il passeggero ha gli stessi diritti verso il vettore di fatto che avrebbe verso il vettore contrattuale.

di Elisabetta Pintus
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.