Skip to content

Inutilità e utilità della filosofia

Un aspetto fondamentale che rende la filosofia originale rispetto alle altre scienze è proprio la sua inutilità, in quanto possiede uno scopo utilitaristico, ma è una sapienza desiderata per se stessa. La filosofia ha in sé stessa il proprio fine. Questo può essere una delle numerose cause della generale sfiducia nei confronti della filosofia, in quanto non è possibile nessuna sua pratica e nessuna applicazione tecnica immediata. Come osserva Mounier: il filosofo è un uomo di difficoltà, impopolare e spiacevole. In un certo senso un fallito, che non avrà mai una carriera.
Chi afferma che la filosofia è una scienza inutile, non sbaglia del tutto. La filosofia però non smette mai di combattere per ciò che costituisce il suo bene, per la ricerca come amore dell'assoluta sapienza. L'amore disinteressato alla verità, non aggiunge niente di materiale alla nostra vita, ma fa si che l'attenzione si porti verso le leggi profonde della nostra l'esistenza. L'uomo per vivere non ha bisogno dell'utile, in quanto utile significa usabile, cioè ciò che si può ad-operare. Il fine dell'uomo non è il lavoro, in quanto il lavoro è un tramite. Solo l'inutilizzabile può permettergli di non venire considerato in vista della sua utilità. È la verità che difende quindi la dignità dell'uomo. Anche se non aggiunge nulla di quantificabile alla vita, la filosofia insegna a trovare in essa qualcosa di più delle necessità immediata della fame, del sesso e del sonno. Poiché l'uomo ha lo scopo di unirsi con la Sapienza, non è fatto per utilità, ma per Dio, cioè per l'inutilizzabile. Il compito della filosofia è quello di indagare sulle cose chiedendosi quali sia il loro essere, la loro sostanza, il loro fine, in questo modo ricorda all'uomo che esiste un ambito della sua vita dove le categorie di profitto, utilità ed efficienza non possono e ne debbono prevalere su tutto. L'inutilità della filosofia è perciò libertà e liberazione. Una mente libera e disinteressata è l'elemento vitale del vivere civile.
di Manuela Floris
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.