Skip to content

Jacques Derrida, L’università senza condizione (2002)

Jacques Derrida, L’università senza condizione (2002): l’università moderna dovrebbe essere senza condizione, è un’istituzione che si può dare negli Stati di tipo democratico (negli Stati non democratici non è ammesso il libero uso della ragione), è distinta da tutte le istituzioni di ricerca (in quanto le altre istituzioni di ricerca, per es. farmacie, hanno scopo economico). 
Università → libertà incondizionata di interrogazione e di proposizione (il diritto di insegnare), però un’università senza condizione non esiste di fatto. 
L’università delineata è consustanziale alla democrazia. 
Professare = dichiarare apertamente (nella professione conta l’impegno e la persona di chi la fa). Al di là della competenza c’è un impegno testimoniale (fede nell’università).

Quindi, università:
1. Professori (dotti), che hanno professato il loro impegno di libertà
2. Luogo del rispetto del reale (ricerca autentica della verità)
3. Soggetto pubblico (resiste in nome della verità)

Abbiamo a che fare con un sapere razionale.
di Francesca Morandi
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.