Skip to content

L'oggetto del contratto

L'oggetto è costituito dai beni o dalle attribuzioni giuridiche e patrimoniali che le parti hanno voluto trasferire, modificare, costituire o estinguere attraverso un contratto.
 
In una compravendita, ad esempio, l'oggetto comprende il prezzo, e il bene trasferito: in un appalto, comprende il corrispettivo e l'opera da eseguire.

L'art. 1346 dice che l'oggetto del contratto deve essere:
1. lecito;
2. possibile (ad esempio, un oggetto che rende nullo il contratto poiché è impossibile è “il voler comprare la luna”);
3. determinato o determinabile; (determinabile: io metto in vendita i gattini che devono ancora nascere; è determinabile poiché i gattini nasceranno a breve, non li ho subito, ma li avrò);
4. patrimoniale, deve comunque essere un oggetto valutabile in denaro;

di Adriana Capodicasa
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.