Skip to content

L’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: gli stages in azienda

L’interesse del legislatore e delle parti sociali per i problemi della formazione si è manifestato anche sullo specifico versante dell’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro.
Oltre a quanto già osservato in precedenza in materia di contratti di lavoro a contenuto formativo, va segnalata la disciplina dei tirocini formativi.
La l. 196/96 ha delegato al Ministro del lavoro, di concerto con il Ministro della Pubblica istruzione, l’emanazione di un regolamento in materia di esperienze di tirocinio pratico e di stages in azienda per i giovani.
Fermo restando l’obiettivo di tirocini e stages “di realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro”, si è attribuito a soggetti qualificati il compito di promuovere iniziative formative in azienda rivolte a giovani che abbiano già assolto l’obbligo scolastico.
Tali tirocini non danno luogo all’instaurazione di un rapporto di lavoro tra le imprese ospitanti ed i tirocinanti (c.d. stagisti).
È inoltre stata prevista la presenza obbligatoria di un tutor come responsabile didattico-organizzativo delle attività.
È da segnalare, infine, la possibilità per le istituzioni scolastiche di includere esperienze di stage o tirocinio nei rispettivi piani di studio.
di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.