Skip to content

La fase dell'esplorazione

Nella fase di esplorazione c'è anche il processo del reclutamento del gruppo nei confronti di possibili membri; a questo proposito può essere determinante lo Staffing Level, che viene definito dai due autori come la differenza fra quanti membri appartengono attualmente al gruppo e quanti membri sarebbero necessari per una prestazione ottimale. A questo proposito, Moreland&Levine, hanno condotto un'indagine basata su interviste a leader di 93 gruppi di un campus universitario, a cui è stato chiesto quale fosse lo staffing level attuale e ideale del loro gruppo, quanto piccolo o grande dovesse essere il gruppo per sembrare sotto o sovradimensionato e quali problemi si creano nell'uno nell'altro caso, quali attività di reclutamento e di socializzazione per i nuovi membri fossero adottate.
Per quanto riguarda lo staffing level, i leader considerano i gruppi cui appartengono più di frequente sottodimensionati che sovradimensionati: c'è una maggiore preoccupazione che il gruppo abbia troppo pochi membri piuttosto che troppi.
Per quanto riguarda i problemi della scarsità o dell'eccesso numerico dei membri, il leader intervistati hanno evidenziato la stessa quantità di problemi, ma non la stessa qualità e possibilità di soluzione. Per i gruppi sottodimensionati, i problemi più comuni indicati riguardano prestazioni di gruppo carenti, fatica, mancanza di risorse, e come possibili soluzioni vengono indicati il reclutamento di più membri o la riorganizzazione del gruppo; per i gruppi sovradimensionati, i problemi più comuni sono apatia e noia, disorganizzazione, formazione di combriccole e le soluzioni più comuni sono incoraggiare i membri attuali a lavorare duramente, limitare l'accesso al gruppo, e punire i devianti o dividere il gruppo attuale in sottogruppi.
Per quanto riguarda il reclutamento di nuovi membri, si è trovato che i gruppi sottodimensionati sono più aperti, utilizzano criteri di entrata meno rigidi ed è più probabile che si facciano entrare nuovi membri in qualunque momento. Per quanto riguarda le pratiche di socializzazione dei nuovi membri, i gruppi sottodimensionati impongono meno doveri speciali, valutano con criteri meno severi il loro comportamento e hanno criteri di accettazione meno severi.
Da questi dati emerge che la rigidità e la permeabilità dei confini di gruppo, che rendono più o meno difficili le entrate ai nuovi membri, sono anche legate a questi problemi strutturali, quale il numero reale dei partecipanti e il numero che sarebbe necessario per una prestazione ottimale.
di Manuela Floris
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.