Skip to content

Le pratiche di cura raccontate dalle mediatrici: Sri Lanka

Anche in Sri Lanka si allatta al seno fino ai due anni e si praticano cure ad alto contatto visto che i bambini stanno sempre in braccio alla mamma, alla zia o alla nonna. Per un po’ di tempo dopo la nascita si fanno dei massaggi con l’olio di cocco o con il latte della mamma per le orecchie, braccia, naso che in questo modo diventano perfetti. Riti di protezione:  se il bambino ha il mal di pancia gli si da una tisana fatta con dei semi simili al finocchio o per il raffreddore si fa il bagno con il latte di cocco si devono evitare certi cibi come i pomodori. Ma queste paure le abbiamo in sri Lanka, qui ci sono altri rischi che purtroppo non siamo in grado di controllare. Nel nostro paese si da al bambino un ciondolo d’oro che lo protegge e lo difende.
Riti di separazione: a 40 giorni si tagliano i capelli e si porta il bambino al tempio per presentarlo alla comunità. Io ho fatto questa festa anche qui ho tagliato i capelli e li ho buttati nel naviglio perché devono essere sempre gettati nell’acqua che scorre. Sono i nonni che ci tengono a seguire tutte queste tradizioni io sono d’accordo ma qui è difficile e sembra tutto senza senso.
di Barbara Reanda
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.