Skip to content

Lo scontro delle emozioni, Moïsi

Lo scontro delle emozioni è dunque, la nuova mappatura del pianeta. Questa lettura del mondo divide la storia del nostro tempo dentro tre aree omogenee di emozioni, di culture diffuse e interpretative dei comportamenti collettivi: l’emozione e la cultura dell’umiliazione per i popoli dell’Islam, che la Storia pare aver dimenticato al margine delle vicende della modernità; l’emozione e la cultura della speranza per i popoli dell’Asia proiettati verso un futuro che vede nel Pacifico e nella loro crescita il nuovo centro del mondo; e infine, per noi americani ed europei, l’emozione e la cultura della paura, ora che abbiamo smarrito l’energia e la forza che ci fecero padroni del pianeta e scivoliamo dentro una crisi di identità che ci fa temere l’invasione dell’Altro.
Questa mappatura ci offre argomenti di analisi politica, un utile strumento interpretativo della storia, quella vecchia del passato (la sconfitta dell’avanzata ottomana sotto le porte di Vienna, nel 1683, quando l’impero di Istanbul e del Corano dovette imparare che il tempo non andava più dalla parte della bandiera della Mezzaluna), quella recente d’oggi e delle sue crisi che avviano mutazioni epocali, e anche quella del futuro (vincerà l’Islam umiliato e voglioso di vendetta? l’America dovrà ritrarsi nelle proprie trincee di una geografia dominata ormai da altri poteri? Cindia – la Cina e l’India – reggeranno la sfida del loro sviluppo e della loro speranza di fronte ai problemi di una responsabilizzazione planetaria?). Moisi è convinto che nel lavoro come nei rapporti attraverso il mondo contino le emozioni: dimostra quanto paura e speranza condizionino anche i rapporti tra Stati, ma si dice ottimista, purché l’ottimismo sia accompagnato – per tutti – dalla consapevolezza della natura tragica dei processi storici. Ma forse è questa consapevolezza che talvolta mostriamo di dimenticare, dovunque, in ognuna delle tre terre dell’emozione.

di Alessia Muliere
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.