Skip to content

MAX WEBER: PRIME RICERCHE SULLA SOCIETÀ TEDESCA

Weber, studiando la situazione dell'agricoltura nella Germania Orientale, rimase colpito dalla tendenza dei lavoratori impegnati nelle tenute dei grandi proprietari (Junker) a lasciare la condizione di contadini fissi, legati più stabilmente all'azienda, per quella di salariati, o addirittura ad emigrare, pur di liberarsi dai pesanti rapporti di dipendenza nei riguardi degli Junker, nonostante la perdita di sicurezza economica che ciò comportava nell'immediato.
Anche il comportamento degli operatori di borsa tedeschi, a cui Weber si interessa, non è comprensibile in termini strettamente utilitaristici, secondo gli schemi della teoria economica. In GB e USA le borse sono dei club riservate ai soli commercianti di professione, istituzioni autogestite che decidono autonomamente i loro criteri di ammissione.
I posti si tramandano e se si acquistano è necessaria una consistente cauzione. Questo non avviene in Germania, dove il quadro istituzionale è più esposto ai rischi di comportamenti non corretti. Le ricerche di Weber sollevano importanti interrogativi e attirano l'attenzione sul ruolo cruciale di condizioni non economiche di natura culturale e istituzionale per comprendere il comportamento economico.
Inoltre studiando la società tedesca, egli era stato colpito dal problema delle differenze territoriali dello sviluppo economico. Per Weber le differenze nello sviluppo economico tra varie aree, dipendono dal ruolo delle città: in particolare sul ruolo che essa esercita sull'attività imprenditoriale deve essere considerata una variabile che dipende dal contesto istituzionale in cui i soggetti sono inseriti. Ne consegue che è essenziale un appropriato quadro istituzionale, perché solo sostenendo la crescita dell'imprenditorialità si può generare lo sviluppo economico.
di Antonio Amato
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.