Skip to content

Markers dell’abuso cronico di alcol nella medicina legale

La velocità di eliminazione dell’alcol dal sangue (0,1-0,2 g/l per ora) è troppo rapida per permettere l’utilizzo del tasso ematico o la ricerca dell’alcol in altri campioni biologici alternativi al sangue per la diagnosi di intossicazione cronica da alcol.
Infatti, è sufficiente l’astensione dal consumo di bevande alcoliche per qualche ora affinché il livello di alcol nel sangue scenda a valori prossimi allo zero.
Molti parametri, prevalentemente basati su modificazioni biochimiche ed ematologiche, sono stati proposti e studiati per valutare un abuso cronico di alcol, con finalità diagnostica e medico legale:
1. la GGT (una proteina presente nelle cellule epatiche) aumenta dopo circa 5 settimane di consistente abuso alcolico; rimane invece invariata dopo un consumo, anche elevato, ma occasionale (sfortunatamente, però, molti fattori collegati alla funzionalità epatica e a stati patologici quali obesità o diabete, possono far aumentare i livelli di GGT);
2. l’MCV è un altro parametro determinato di routine nei lavoratori di chimica clinica, utilizzabile per la diagnosi di etilismo cronico; la sua origine e correlabile a una deficienza di acido folico indotta dal consumo alcolico (ma anche in questo caso altre condizioni patologiche riconducibili a deficienze di acido folico o di vitamina B12 possono causare errori interpretativi);
3. le transaminasi seriche costituiscono ulteriori ben noti indicatori di danno epatico e uno studio di questi enzimi può fornire utili informazioni in tema di diagnostica dell’abuso alcolico (di contro, c’è da riscontrare che la sensibilità di questi parametri è piuttosto bassa);
4. la determinazione quantitativa delle CTD sta diventando il parametro maggiormente condiviso a livello internazionale per l’indicazione dell’uso e dell’abuso cronico di alcol, trattandosi del parametro più sensibile e specifico oggi disponibile; è stato documentato un enorme aumento della transferrina in conseguenza dell’abuso alcolico (tale aumento è evidente già dopo 1-2 settimane di abuso alcolico e rimane percepibile anche dopo circa 15 giorni di astinenza).
di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.