Skip to content

Quintino Cataudella (1900 – 1984)

Nato a Scicli, studia a Modica e si laurea a Catania in Letteratura greca con una tesi sul concepire Eschileo. Fu professore a Catania dal 1947 fino al 1975 (di latino però solo fino al 1949), preside, accademico dei Lincei e fondatore della rivista Sileno, dedicata agli studi classici e cristiani. In sessant'anni di attività lasciò una produzione imponente di più di ottocento lavori, validissimi sia per impegno scientifico sia per rigore metodologico e critico. Alcuni suoi contributi sono imprescindibili per la critica successiva: estetica nella letteratura greca cristiana, orazioni di Gregorio di Nazianzo, il Protreptico di Clemente Alessandrino, il De Pallio di Tertulliano, il De Officiis di Cicerone. Scrisse una fondamentale Storia della letteratura greca e una Grammatica greca oggi purtroppo introvabile.
Ciò che più rivela la statura di studioso di Cataudella è la imponente quantità di note critico testuali a corredo dei suoi lavori, dove si vede chiaramente l'acribia del filologo e la sagacia dell'esegeta. Per la maggior parte dedicati a greci, ce ne sono alcuni dedicati anche ai latini, tra cui Cicerone, Orazio, Apuleio e Ammiano Marcellino; sugli ultimi due tenne pure i corsi monografici a Lettere.

di Gherardo Fabretti
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.