Skip to content

Repubblica o Monarchia?

Già verso la fine dell’800 la politica aveva capito che era importante conoscere il proprio elettorato.
Il primo sondaggio realizzato in Italia dalla Doxa è precedente alla nascita della repubblica e annuncia che il 40% degli italiani è favorevole alla Repubblica, mentre il 31% alla monarchia, e il 29% è incerto ; il risultato delle elezioni del 2 giugno rappresenta il 54.3% di scelte per la repubblica, il 45.7% della monarchia e quindi i dati Doxa sono confermati.
I sondaggi negli Stati Uniti si diffusero negli anni Venti mentre rappresentano per l’Italia una novità assoluta; il sondaggio però non sempre è affidabile infatti il sondaggio preelettorale realizzato per le elezioni presidenziali del 1936 dalla rivista “Literary Digest” pronostica la sconfitta di Roosevelt, mentre il presidente riceve con il 60% un secondo mandato ; l’errore della rivista è stato quello di basare il sondaggio su una rilevazione estensiva e non su un campione rappresentativo, ossia una piccola porzione di elettori selezionata in modo da rappresentare la totalità; tecnica che diviene nota con il termine metodo Gallup.
Due elezioni presidenziali dopo, ossia nel 1948 l’istituto Gallup sbaglia una previsione annunciando la vittoria di Dewey anziché Truman.
In Italia la Doxa prevede correttamente l’elezione della Dc con un 45%, risultato 48.5%; Fronte democratico popolare 27%, risultato 31%; Unità socialista previsione 10% e risultato 7.1%.
di Anna Carla Russo
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.