Skip to content

Sesso nell'Antico Testamento


L'Antico Testamento non aveva lasciato molte represssioni. Vediamo solo dei divieti nel levitico, che poi l'alto medioevo riprenderà. Ma poi c'è il Cantico dei Cantici che è un inno all'amore coniugale pieno di erotismo, ed il cristianesimo gli darà un'interpretazione allegorica. I Vangeli sono discreti sulla sessualità, elogiano il matrimonio monogamico e condannano l'adulterio. Cristo è celibe e Maria vergine. Paolo accentua la contrapposizione spirito-carne, e il matrimonio è un ripego. Avere una moglie è il modo migliore per evitare fornicazioni. Paolo rispetta il corpo, ma il medioevo demonizzerà la carne e il corpo. Interpretata la parabola del seminatore, la chiesa classifichera il valore e la fecondita degli uomini a seconda che siano vergini, continenti come le vedove o sposati. Fino al sec. IV 2 serie di avvenimenti assicurano il successo della nuova etica sessuale: sul piano teorico la diffusione dei nuovi concetti di carne, fornicazione, concupiscienza, e la sessualizzazione del peccato originale. Sul piano pratico, l'apparizione di uno status virginale tra i cristiani e la realizzazione dell'ideale di castità nel monachesimo del deserto. Concetto di carne: si inasprisce la contrapposizione carne-spirito, verso la nozione di carne debole e corruttibile, e di “carnale” come sessuale. Definire la natura umana come caro tende a sessualizzarla, introducendo la nozione di peccato contro natura (che nel medioevo estenderà la nozione di sodomia). La fornicazione è condannata dalla Bibbia. Il monachesimo ne distinguerà 3 forme: unione sessuale illecita, masturbazione, erezione ed eiaculazione involontaria.  S.agostino definisce poi la concupiscienza, il desiderio sessuale.

di Dario Gemini
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.