Skip to content

Struttura Sociale


STRUTTURA: Relazioni tra le parti di un insieme organizzato.
Le parti possono essere individui, oppure gruppi di individui. Oppure possono essere elementi fisici della organizzazione. Si parla si relazioni spaziali e temporali di una organizzazione.
Se analizziamo le persone e come interagiscono tra di loro —> struttura sociale.
Se analizziamo gli elementi fisici —> struttura fisica.

STRUTTURA SOCIALE
Weber dava delle indicazioni su quali erano gli elementi che una burocrazia sociale doveva avere. Weber è stato il primo a parlare di struttura sociale nelle organizzazioni.
Dalla sua formulazione di idealtipo, rimangono tutt’oggi alcuni elementi. Oggi i modernisti vedono l’organizzazione composta da tre dimensioni chiave:
- PRIMA DIMENSIONE: AUTORITÀ —> SPECIALIZZAZIONE VERTICALE. Ha a che fare come si distribuisce il potere all’interno della organizzazione. Si basa su tre elementi principali: 1) il grado di centralizzazione, ossia quanto il potere è nelle mani del vertice 2) differenziazione verticale, ossia, quanti livelli gerarchici ci sono 3) funzioni di linea/funzioni di staff, funzioni di linea —> tutte quelle funzioni aziendali rivolte alla produzione del core business della azienda. Se sono una industria calzaturiera, il core business è il processo di produzione della scarpa. Funzioni di staff —> tutte quelle decisioni a supporto del core business.
- SECONDA DIMENSIONE: DIVISIONE DEL LAVORO - SPECIALIZZAZIONE ORIZZONTALE: riguarda come raggruppo le attività della mia organizzazione. Devo inserirle in strutture formali e in gruppi di attività (ufficio vendite, marketing, quanto grandi devono essere? Quante unità organizzative voglio? Faccio macro categorie?).
- TERZA DIMENSIONE: FORMALIZZAZIONE DI REGOLE E STRUTTURE - MICRO STRUTTURA: mi devo occupare delle singole posizioni dell’organizzazione, ossia, quello che ciascun individuo deve fare. vi sono diversi elementi da tenere in considerazione: il grado di formalizzazione —> quanto quello che deve fare il lavoratore è scritto e prestabilito secondo procedure; varietà —> quanto è vario il lavoro da svolgere; livello di specializzazione —> quanto quello che devo fare io è previsto in modo dettagliato e limitato dalla job description. È un lavoro che richiede molte competenze (chimico industriale) o poche (addetto vendite?). le mansioni dell’organizzazione richiedono competenze differenti.

Caso - Due gocce d’acqua

PROVINCIA DI CUNARI
Nella provincia di Cunari esiste un sistema gerarchico rigido e consistente. Il sistema attuato punta sulla centralizzazione. I report sono un meccanismo di coordinamento. Avendo una struttura così formalizzata può far interagire le persone tra di loro o attraverso procedure specifiche, o attraverso i report settimanali cosicché tutti possono leggere cosa fa l’altra unità e ci si possono scambiare informazioni.

PROVINCIA DI MORDIANO
Il livello di specializzazione è basso. Non vuol dire che non ci siano competenze, ma significa che servono diversi tipi di competenze.
Delega ai gruppi di lavoro come organizzarsi. Non ci sono più strutture organizzate formali, ma lascia che il coordinamento sia attuato dai gruppi stessi. Non ci sono regole e procedure, meno livelli gerarchici, più autonomia.

La prima provincia ha trovato un assetto organizzativo che funziona meglio rispetto al secondo. Funziona meglio l’approccio di Cunari.

Nei primi due anni è la provincia di Cunari che raggiunge risultati migliori. A livello di struttura, dunque, sembra che Cunari dia risultati migliori.

Nella prima provincia c’è poca collaborazione e collegamento tra i vari settori. Il presidente chiede ad ogni settore un report e ogni settore chiede al presidente un report per sapere cosa stanno facendo. Nell’altra provincia invece vengono attuate sin da subito riunioni inter settoriali, così il coordinamento è affrontato in maniera brillante.
Nel primo caso la struttura è più gerarchica, con diversi livelli e molto accentrata. Il potere è infatti totalmente nelle mani del presidente. Nella seconda provincia, invece, il gruppo può autonomamente prendere decisioni in un clima di massima indipendenza decisionale.
La prima fa fatica ad adattarsi ai cambiamenti ambientali, la seconda invece ha un adattamento più rapido.

CONCLUSIONE —> La prima provincia è un esempio tipico di sistema burocratico, la seconda è invece un sistema organico, ossia, è un sistema simile al corpo umano. Sistema meccanico invece significa che l’organizzazione sembra molto più una macchina.

L’aspetto principale del caso è che dalla parte a alla b sono cambiate le condizioni ambientali. Nella prima parte le provincie svolgevano la loro attività di routine e, in quell’ambiente, la struttura meccanica sembrava più efficiente. Essendo che le attività erano tutte uguali, avere procedure standard permette di procedere con le proprie attività senza problemi. Nella seconda parte invece le due provincie devono lavorare ad un caso nuovo e non possedevano procedure prestabilite che funzionassero bene. Era dunque tutto da costruire e programmare. Le condizioni dunque, dal primo caso al secondo, cambiano in quanto cresce l’INCERTEZZA ambientale e il sistema meccanico non funziona più perché le procedure che utilizzo per le attività di routine non vanno bene per una situazione dinamica come questa. Lo scambio di documenti e di autorizzazioni rallenta notevolmente i lavori della provincia. Lasciando invece lavorare in autonomia persone molto competenti, che parlano direttamente con i privati, regione, ecc. ecc., i risultati saranno migliori perché non ho così tanti livelli gerarchici.

In situazioni di stabilità ambientale e di semplicità dell’ambiente funziona meglio il SISTEMA MECCANICO.
In situazioni di instabilità ambientale e di complessità dell’ambiente funziona meglio il SISTEMA ORGANICO.

L’ideale sarebbe avere un’organizzazione in grado di cambiare le proprie caratteristiche in base alle condizioni dell’ambiente. Queste organizzazioni vengono dette ambi destre e sono in grado di convertirsi rapidamente da un sistema organico a meccanico e viceversa.
È utile avere un’organizzazione del genere perché l’ambiente non è sempre complesso oppure semplice.

Oppure, all’interno della stessa azienda, posso avere aree impostate con un sistema organico, e altre aree impostate con un sistema dinamico. (ad es., l’amministrazione è un sistema più meccanico che organico).
di Kevin Carne
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.