Skip to content

Progettazione di Impianti a Servizio di Strutture Ospedaliere

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INDICE INTRODUZIONE 5 CAPITOLO 1 - Reti aerauliche 6 1.1 Condizionamento dell’aria 6 1.2 Classificazione delle condotte 6 1.2.1 Classificazione in base all’utilizzo 7 1.2.2 Classificazione in base alla velocità 7 1.2.3 Classificazione in base alla pressione 8 1.3 Canali per la distribuzione dell’aria: spazio disponibile ed aspetto estetico 8 1.4 Moto dell’aria nelle condotte 8 1.5 Coefficiente di forma – sezioni circolari e rettangolari 20 1.6 Materiali impiegati nella costruzione dei canali 21 1.7 Isolamento delle condotte d’aria 23 1.8 La pressione in corrispondenza dei diffusori d’aria in ambiente 25 1.9 Immissione dell’aria in ambiente 25 1.10 Criteri di scelta dei diffusori 27 1.11 Considerazioni sul percorso dei canali 28 1.11.1 Trasformazioni 28 1.11.2 Riduzione della sezione 29 1.11.3 Ostacoli 29 1.11.4 Curve 29 1.11.5 Diramazioni 30 1.11.6 System effect 30 1.12 Dimensionamento di una rete di canali d’aria 30 1.12.1 Metodo dell’equiresistenza 32 1.12.2 Metodo delle velocità fissate 32 1.12.3 Metodo del recupero di pressione statica 33 1.12.4 Il dimensionamento dei canali negli impianti ad alta velocità 34 1.13 Curve caratteristiche di un sistema aeraulico 34 1.14 Scelta del ventilatore 35 CAPITOLO 2 - Qualità dell’aria 38 2.1 Controllo e manutenzione degli impianti 38 2.2 Impianti di climatizzazione dell’aria 38 2.2.1 Principali tipologie di impianti 39 2.3 Filtri d’aria 40 2.4 Gli impianti di climatizzazione come causa di inquinamento dell’aria interna 41 2.5 I rischi per la salute correlati agli impianti di climatizzazione 43 2.6 Ventilazione 43 2.7 Norme e documenti nazionali ed internazionali per la progettazione, gestione e manutenzione dei sistemi di condizionamento e ventilazione 44 CAPITOLO 3 - Rumorosità 46 3.1 La propagazione del rumore nei canali d’aria 46 3.2 Condotti rettilinei rigidi 46 3.3 Condotti curvi 48 3.4 Diramazioni 49 3.5 Terminali di condotto 49 3.6 Plenum 50 2 3.7 Il rumore in ambiente 51 3.8 Livello di pressione sonora diretta 52 3.9 Livello di pressione sonora riverberata 53 CAPITOLO 4 - Comfort e sicurezza degli ambienti attraverso la distribuzione dell’aria condizionata 54 4.1 Il comfort degli ambienti e la qualità degli impianti 54 4.2 I condotti in alluminio pre-isolato 54 4.3 La sicurezza in caso di incendio: prevenzione attiva e passiva 54 4.4 Reazione e resistenza al fuoco 55 4.5 La normativa e il nuovo decreto 31-3-2003 56 4.6 Conclusioni 57 CAPITOLO 5 - Tecnologia impiantistica a servizio degli edifici ospedalieri 58 5.1 Evoluzione tecnologica negli edifici ospedalieri 58 5.2 Evoluzione normativa e problematiche legate alla progettazione 58 5.2.1 Impianti trattamento aria – Generalità 58 5.2.2 Confronto tra UNI 10339 e UNI EN 13779 59 5.2.3 Impianti trattamento aria per le degenze 61 5.2.3.1 Impianto ad aria primaria piø induttori da canale (si analizza tale utilizzato nella ristrutturazione di un reparto DEA) 61 5.2.3.2 Impianto a tutt'aria per degenza di isolamento del DEA e Terapia intensiva 70 5.3 Controllo della Legionellosi attraverso gli impianti 78 5.3.1 Origini della patologia e sue caratteristiche 78 5.3.2 Progettazione Impianti nell'ottica del controllo della Legionella 79 5.3.3 Considerazioni conclusive sull'impiantistica per il controllo della Legionellosi 80 5.4 Collaudi e manutenzione 80 5.4.1 Predisposizione delle apparecchiature destinate alla taratura e bilanciamento dei circuiti aeraulici sin dalla fase di progettazione 80 5.4.1.1 Taratura, misure, bilanciamento, collaudo preliminare dell'impianto 80 5.4.1.2 Manutenzione degli impianti 81 5.4.1.3 Manuale manutenzione degli impianti 81 5.4.2 Esecuzione delle operazioni di taratura 82 5.4.2.1 Taratura e bilanciamento circuiti aeraulico 82 5.4.2.2 Serrande di taratura ad iride 82 5.4.2.2.1 Caratteristiche generali 82 5.4.2.2.2 Caratteristiche costruttive e di installazione 82 5.4.2.3 Regolatori di portata autoregolanti per portata costante 83 5.4.2.3.1 Caratteristiche generali 83 5.5 Misure delle portate d’aria 84 5.5.1 Misura delle portate nei condotti d’aria 84 5.5.2 Misura della portata su griglie e diffusori 84 5.5.2.1 Misura della portata su griglie o bocche, a mezzo di un anemometro a ventolina 85 5.5.2.1.Misura della portata su griglie o bocche di ripresa 85 5.5.2.1.2 Misura della portata su griglie o bocche di mandata 85 5.5.2.2 Misura della portata su diffusori lineari 85 5.5.2.3 Misura della portata su diffusori circolari 86 5.6 Verifica del livello della pressione sonora 87 5.6.1 Livello sonoro ponderato: dB(A) 87 3 5.6.2 Limitazione della rumorosità degli impianti - Specifiche di capitolato 88 5.6.2.1 Rumore interno agli edifici 88 5.6.2.2 Prescrizioni per l'esecuzione 88 5.6.2.3 Provvedimenti contro la trasmissione delle vibrazioni 89 5.6.2.4 Installazione di accessori e apparecchiature atte alla riduzione della rumorosità degli impianti 90 5.6.2.4.1 Scelta delle tipologie impiantistiche e caratteristiche delle apparecchiature per insonorizzazione 90 5.6.2.4.2 Caratteristiche acustiche dei condotti flessibili del tipo fonoassorbente 93 5.6.2.4.3 Verifica fonometrica preliminare 94 5.6.2.4.4 Verifica fonometrica definitiva 94 5.6.2.4.4 Collaudi 94 5.6.3 Limiti ammissibili di rumori in ospedale – confronti tra normative 95 5.6.3.1 Effetti del rumore 95 5.6.4 Normativa nazionale 99 5.7 Controllo della qualità dell’aria in ambienti a contaminazione controllata 100 5.7.1 Definizioni di inquinamento indoor e parametri relativi 100 5.7.2 Efficienza di ventilazione 101 5.7.3 Filtrazione 102 5.7.4 Particolato aerodisperso 105 5.7.5 Carica batterica 108 5.7.6 Concentrazione di inquinanti gassosi 109 5.7.7 Monitoraggio ambientale 110 5.8 Sistema per il controllo della qualità dell’aria 111 5.9 Conclusioni 111 CAPITOLO 6 - Descrizione della procedura e degli algoritmi per il dimensionamento delle reti aerauliche 112 6.1 Descrizione generale 112 6.2 Programma per l’introduzione e le verifiche dei dati in ingresso (datcon) 112 6.2.1 Descrizione della geometria dell’impianto 113 6.2.2 Introduzione dati 114 6.2.2.1 Dati generali 115 6.2.2.2 Dati relativi ai rami 116 6.2.2.3 Dati relativi alle bocchette 116 6.2.2.4 Dati relativi ai tratti 117 6.2.3 Correzione 117 6.3 Programma per il dimensionamento dell’impianto (“condotte”) 118 6.3.1 Formule per il dimensionamento 118 6.3.2 Calcolo della densità e della viscosità dinamica 121 6.3.3 Calcolo delle portate 123 6.3.4 Dimensionamento 126 6.3.4.1 Dimensionamento del ramo N.1 127 6.3.4.2 Dimensionamento dei rami rimanenti (metodo dell’equiresistenza) 129 6.3.4.3 Calcolo della dimensione della sezione e della velocità di un tratto 132 6.3.4.3.1 Calcolo di b noto d 134 6.3.4.3.2 Modalità di scelta del diametro compatibile col passo 135 6.3.4.3.3 Calcolo della resistenza del tratto critico 136 6.3.4.3.4 Dimensione limite 136 6.3.4.4 Dimensionamento col metodo del guadagno statico 137 6.3.4.4.1 Metodo del guadagno statico 140 4 6.3.4.5 Calcolo della dimensione comune 142 6.3.4.6 Calcolo della pressione totale disponibile e della pressione statica delle bocchette laterali 146 6.3.4.7 Calcolo del peso approssimato delle lamiere e della superficie approssimata dell’isolante 147 CAPITOLO 7 - Manuale d’uso del software per il dimensionamento delle reti di canali d’aria 149 7.1 Descrizione generale 149 7.2 Programma datcon 150 7.2.1 Introduzione dati 150 7.2.1.1 Dati generali 150 7.2.1.2 Dati relativi ai rami 151 7.2.1.3 Dati relativi alle bocchette 152 7.2.1.4 Dati relativi alle bocchette 152 7.2.2 Correzione 153 7.2.2.1 Correzione dati generali 154 7.2.2.2 Correzione dati rami 154 7.2.2.3 Correzione dati bocchette 155 7.2.2.4 Correzione dati tratti 156 7.2.3 Stampa dati in ingresso 156 7.3 Programma condotte 157 7.3.1 Calcoli 157 7.3.2 Stampa 158 CAPITOLO 8 - Esempio di dimensionamento 160 8.1 Descrizione generale 160 8.2 Esempio di dimensionamento 160 CONCLUSIONI 181 BIBLIOGRAFIA 183
Indice della tesi: Progettazione di Impianti a Servizio di Strutture Ospedaliere, Pagina 1

Indice dalla tesi:

Progettazione di Impianti a Servizio di Strutture Ospedaliere

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Favara
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Politecnico di Bari
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria meccanica
  Relatore: Raffaello Iavagnilio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 184

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi