Skip to content

Prodotto e personalizzazione di massa

Informazioni tesi

  Autore: Luca Minetola
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Politecnico di Torino
  Facoltà: Design e Arti
  Corso: Disegno industriale
  Relatore: Filippo Pavesi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 153

Gli oggetti in questi ultimi anni hanno assunto un valore sempre maggiore per l’uomo, sono un’estensione del sé e sono uno strumento importante per l’espressione della propria personalità o di un particolare stile di vita.
Nel mondo virtuale il fenomeno è altrettanto evidente. Dalla comparsa una decina di anni fa dei sistemi operativi con l’interfaccia grafica, è stato possibile per l’utente cambiare l’immagine di sfondo dello schermo (desktop), colori, dimensioni, posizione degli oggetti a seconda delle propri gusti, delle caratteristiche fisiche, di esigenze lavorative, ma anche molto spesso creative.
Nella società moderna estremamente frammentata e diversificata in cui “one size does not fits all”, offrire servizi, prodotti personalizzati, è l’ultima frontiera della concorrenza tra le aziende, che cercano di raggiungere un numero sempre maggiore di persone ed offrendo loro soluzioni che ne soddisfino i bisogni specifici cercano di ottenere un numero sempre maggiore di clienti ed aumentare il loro fatturato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 1. LA SOCIETA’ CONTEMPORANEA A partire dagli anni ‘60 diversi autori hanno usato con accezioni molto differenti attributi come differenziazione sociale e complessità, policentrismo e frammentazione, molteplicità di realtà, di logiche e contesti spesso contrastanti. In alcuni casi si parla di società post-industriale, in altri di società complessa, società post-materialistica o società post-moderna. Il primo tratto caratteristico delle società post-industriali risulta essere il passaggio dalla centralità della produzione industriale a quella del settore dei servizi, con una conseguente centralità della specializzazione legata alle nuove occupazioni e delle tecnologie dell’informazione. Partendo da una prospettiva di osservazione meno centrata sul piano economico e più orientata sul piano sociale, Touraine individua quale tratto fondante della nuova società lo spostamento del conflitto tra capitale e lavoro verso la contrapposizione tra potere centrale e gruppi spontanei, portatori di pubblici interessi e quindi trasversali rispetto alla tradizionale struttura sociale di classi e ceti. La terza caratteristica fondamentale della società post-industriale è la centralità dell’informazione. Ardigò parla di artificializzazione del linguaggio, sostenendo l’emergere di comunicazioni cognitive ed informative sempre più lontane da un coinvolgimento diretto tra soggetti. Dal dominio economico del sistema produttivo si è passati ad una predominanza dei processi di creazione, elaborazione e diffusione delle informazioni, della conoscenza; l’importante sviluppo dell’ultima decade delle tecnologie informatiche ha reso possibile sia la moltiplicazione dei flussi informativi, che la crescita della loro velocità di diffusione, rompendo i limiti di tempo e spazio. A partire dalla metà degli anni sessanta, il sistema fordista ha mostrato i primi segni di crisi negli Stati Uniti. Nel decennio successivo la crisi si è estesa anche altrove, mostrando l’incapacità del sistema di tenere sotto controllo le contraddizioni del capitalismo a causa della rigidità degli investimenti, della produzione e del mercato del lavoro. (Martinego, 2005) La recessione e la crisi petrolifera che hanno colpito gli anni ‘70 del secolo scorso ha portato alla discussione sul sistema fordista e ha avviato forme di sperimentazione sia nel campo dell’organizzazione industriale, sia nel campo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi