Skip to content

Il matrimonio islamico nell'ordinamento giuridico italiano

Informazioni tesi

  Autore: Francesco D'Amico
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2007-08
  Università: Libera Univ. degli Studi Maria SS.Assunta-(LUMSA) di Roma
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Paolo Cavana
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 169

Le migrazioni internazionali costituiscono un fenomeno di grande interesse per la struttura complessa, per gli innumerevoli elementi che ne stanno a fondamento, per la molteplicità delle condizioni che ne originano la genesi e, soprattutto, per le questioni giuridiche che innesca la presenza stabile di stranieri nell’ambito del territorio nazionale di uno Stato.
Già l’impero romano, ad esempio, si era occupato della condizione dello straniero, infatti aveva puntualmente disciplinato la condizione delle popolazioni conquistate e che, comunque, erano legate a Roma. Addirittura con la Constitutio Antoniniana del 212 d.c. si giunge al culmine della regolamentazione con il riconoscimento della cittadinanza a tutti i sudditi dell’impero.
In seguito ad eventi politici ed, in particolare, all’indomani della caduta del blocco comunista nei Paesi dell’Est, l’Europa occidentale ha visto modificarsi in brevissimo tempo i termini e l’entità del fenomeno migratorio. Ad un flusso di spostamenti già notevole proveniente dai Paesi meno sviluppati del Mediterraneo e dell’Africa, si sono aggiunti i nuovi movimenti dall’Est e dall’Oriente, aggravati dalle tensioni etniche e dall’instabilità politica di quei popoli.
L’Italia, per lungo tempo paese di forte emigrazione, ha conosciuto, anche in ragione della particolare posizione geografica e per la difficoltà di protezione dei propri confini, un’improvvisa crescita delle presenze straniere, soprattutto extracomunitarie, con un’ampia percentuale di quelle di fede musulmana.
In base agli ultimi dati ufficiali dell’Istat, i musulmani presenti in Italia superano abbondantemente il milione di presenze. Questa comunità religiosa rappresenta oramai la seconda, per consistenza, dopo i cattolici. Essa pone una serie di problemi di integrazione e di armonizzazione delle proprie credenze ed usanze alle leggi italiane ed, in particolare, pone una serie di questioni circa l’efficacia del diritto straniero nell’ambito dell’ordinamento giuridico italiano.
Il problema fondamentale riguarda la compatibilità degli istituti tipici che connotano il diritto di famiglia ed il matrimonio islamico rispetto al modello accolto nel testo della Costituzione italiana ed alla disciplina recata dal codice civile.
Premessa fondamentale è la puntualizzazione secondo cui l’Islam non viene in rilievo per il mondo musulmano solo come una religione, ma si presenta in tutte le sue manifestazioni sociali come espressione di un’unità culturale radicata nella fede in Dio. La fede religiosa per i musulmani, anche di origine etnica molto diversa (arabi, egiziani, turchi, iracheni, marocchini, nubiani, berberi, ecc.), non è un fenomeno puramente interiore, che rimane relegato nella coscienza individuale, ma pervade e coinvolge tutta la sua esistenza, ivi compresi i rapporti familiari e sociali, per cui unità di fede significa unità di Dio, di cultura e di civiltà.
Nel Corano sono contenute regole esplicite concernenti i vari aspetti della vita familiare, sociale, religiosa e civile dei musulmani, tra i quali il matrimonio e rapporti di famiglia. Sharì’a è il termine comune ai popoli arabofoni, che letteralmente significa “la via che conduce all’acqua”, con il quale viene indicata la legge divina onnicomprensiva, che plasma il comportamento dell’individuo e della società.
In linea di massima, i moderni Stati di fede musulmana hanno adottato nuove costituzioni ed hanno ristretto l’ambito della Sharì’a allo statuto personale.
Lo statuto della persona e, in particolare, il matrimonio e gli istituti del diritto di famiglia, rappresenta, infatti, uno dei più strenui baluardi del mondo musulmano, nel senso che gli istituti in esso ricompresi si sono rivelati inattaccabili dalla cultura giuridica occidentale. Mentre in altre branche del diritto i principi fondamentali della Sharì’a possono dirsi tendenzialmente soppiantati dalle codificazioni moderne, gli istituti della capacità giuridica, del matrimonio e degli effetti conseguenti alla morte continuano ad essere disciplinati dagli insegnamenti del diritto musulmano tradizionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa Le migrazioni internazionali costituiscono un fenomeno di grande interesse per la struttura complessa, per gli innumerevoli elementi che ne stanno a fondamento, per la molteplicità delle condizioni che ne originano la genesi e, soprattutto, per le questioni giuridiche che innesca la presenza stabile di stranieri nell’ambito del territorio nazionale di uno Stato. Già l’impero romano, ad esempio, si era occupato della condizione dello straniero, infatti aveva puntualmente disciplinato la condizione delle popolazioni conquistate e che, comunque, erano legate a Roma. Addirittura con la Constitutio Antoniniana del 212 d.c. si giunge al culmine della regolamentazione con il riconoscimento della cittadinanza a tutti i sudditi dell’impero. In seguito ad eventi politici ed, in particolare, all’indomani della caduta del blocco comunista nei Paesi dell’Est, l’Europa occidentale ha visto modificarsi in brevissimo tempo i termini e l’entità del fenomeno migratorio. Ad un flusso di spostamenti già notevole proveniente dai Paesi meno sviluppati del Mediterraneo e dell’Africa, si sono aggiunti i nuovi movimenti dall’Est e dall’Oriente, aggravati dalle tensioni etniche e dall’instabilità politica di quei popoli. L’Italia, per lungo tempo paese di forte emigrazione, ha conosciuto, anche in ragione della particolare posizione geografica e per la difficoltà di protezione dei propri confini, un’improvvisa crescita delle presenze straniere, soprattutto extracomunitarie, con un’ampia percentuale di quelle di fede musulmana. In base agli ultimi dati ufficiali dell’Istat, i musulmani presenti in Italia superano abbondantemente il milione di presenze. Questa comunità religiosa rappresenta oramai la seconda, per consistenza, dopo i cattolici. Essa pone una serie di problemi di integrazione e di armonizzazione delle proprie credenze ed usanze alle leggi italiane ed, in particolare, pone una serie di questioni circa l’efficacia del diritto straniero nell’ambito dell’ordinamento giuridico italiano. Il problema fondamentale riguarda la compatibilità degli istituti tipici che connotano il diritto di famiglia ed il matrimonio islamico rispetto al modello

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

matrimonio
islam
diritto di famiglia
musulmano
sharia
matrimonio islamico
poligamia
matrimoni misti
ripudio
contratto matrimoniale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi