Skip to content

I titoli edilizi alla luce del decreto ''Sblocca Italia''

Informazioni tesi

  Autore: Luana Ortuso
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Professioni Legali
Anno: 2016
Docente/Relatore: Guzzi Federico Francesco
Istituito da: Università degli Studi di Reggio Calabria
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 116

Con il termine “edilizia” si suole indicare la branca del diritto urbanistico che si occupa specificamente degli aspetti esecutivi dell’attività edilizia.
Il diritto di edificare, o ius aedificandi, spetta – come ha riconosciuto la Corte Costituzionale con la famosa sentenza n. 5 del 1980 – al proprietario del suolo su cui viene costruito il manufatto, costituendo, dunque, estrinsecazione del diritto di proprietà.
Tuttavia, l’attività edilizia è assoggettata all’esercizio di poteri amministrativi finalizzati al controllo dell’assetto del territorio e dello sviluppo urbanistico che si concretizzano attraverso l’utilizzo di strumenti attraverso i quali, la Pubblica Amministrazione - dopo aver provveduto alla pianificazione urbanistica generale - controlla e regola il concreto esercizio dello ius aedificandi.
Tali strumenti sono i titoli edilizi - oggetto della presente trattazione - la cui disciplina è codificata in seno al DPR 380/2001, che contempla le diverse ipotesi in cui può esplicarsi l’attività edilizia e la sua relativa disciplina. Il Testo unico in materia edilizia, D.P.R. n. 380/2001, frutto della delega del legislatore al Governo a presentare disegni di legge sulla delegificazione, si è tradotto nell’emanazione del Testo unico che ha avuto il merito di accorpare in un unico ambito le precedenti norme in materia di edilizia, armonizzandole con elementi innovativi, frutto della necessità di sviluppare un impianto normativo al passo con il mutare dei tempi.
Nell’assetto originario della legge urbanistica, n. 1150/1942, il controllo pubblico delle attività costruttive dei privati era demandato alla licenza edilizia, strumento attraverso il quale l’amministrazione accertava la conformità del progetto rispetto alla normativa edilizia. Tale istituto era gratuito e, fino all’approvazione della legge n. 765/1967, riguardava non tutto il territorio comunale, ma essenzialmente il centro urbano, con riferimento alla mera disciplina edilizia ed al controllo della sola attività edificatoria.
La licenza edilizia fu sostituita dall’istituto della concessione edilizia, introdotta dalla legge Bucalossi n. 10/1977, per tutte le attività comportanti la trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio comunale, prevedendo per essa dei caratteri che a tutt’oggi sono del permesso di costruire, quali la realtà, l’irrevocabilità, la temporaneità, la rinnovabilità e l’onerosità. Accanto ad essa, il legislatore aveva previsto altre ipotesi edilizie che, per la loro minore portata, erano sottratte al regime concessorio ed assoggettate a quello dell’autorizzazione gratuita.
Nell’ottica della semplificazione del procedimento amministrativo, del rilancio dell’economia e della crescita del Paese, la materia dell’edilizia è stata, negli anni, oggetto di particolare interesse da parte del legislatore, giacchè il settore edilizio riveste un’importanza strategica: esso, infatti, ha funzioni propulsive dell’economia, sia dal punto di vista occupazionale, che dal punto di vista della commercializzazione del prodotto finito. Non a caso, infatti, il testo normativo che ha modificato il Testo Unico sull’edilizia è stato definito “sblocca Italia”, con un chiaro riferimento agli aspetti di ripresa e superamento della crisi economica. Non a caso il V capo relativo alla “semplificazione edilizia” è relativo a “Misure urgenti per l’apertura dei cantieri, la realizzazione di opere pubbliche, la digitalizzazione del Paese, la semplificazione burocratica, l’emergenza del dissesto idrogeologico e la ripresa delle attività produttive”.
Da un sistema improntato sostanzialmente sulla base di due titoli quali il permesso di costruire e la denuncia di inizio attività, basati su un’attività prettamente autorizzatoria della pubblica amministrazione, si è passati, a fronte dei diversi interventi legislativi tutti caratterizzati dall’utilizzo della decretazione d’urgenza, ad un regime di maggior liberalizzazione degli interventi edilizi e responsabilizzazione dei professionisti incaricati con l’introduzione di nuovi istituti giuridici, così articolato:
- Attività libera;
- Comunicazione di inizio attività, CIL e Comunicazione di inizio attività asseverata, CILA;
- SCIA;
- DIA in alternativa al permesso di costruire;
- Permesso di costruire

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA Con il termine “edilizia” si suole indicare la branca del diritto urbanistico che si occupa specificamente degli aspetti esecutivi dell’attività edilizia, intendendo con essa, la costruzione di manufatti stabili destinati a soddisfare bisogni abitativi e produttivi 1 . Il diritto di edificare, o ius aedificandi, spetta – come ha riconosciuto la Corte Costituzionale con la famosa sentenza n. 5 del 1980 – al proprietario del suolo su cui viene costruito il manufatto, costituendo, dunque, estrinsecazione del diritto di proprietà. Tuttavia, l’attività edilizia è assoggettata all’esercizio di poteri amministrativi finalizzati al controllo dell’assetto del territorio e dello sviluppo urbanistico che si concretizzano attraverso l’utilizzo di strumenti attraverso i quali, la Pubblica Amministrazione - dopo aver provveduto alla pianificazione urbanistica generale - controlla e regola il concreto esercizio dello ius aedificandi. Tali strumenti sono i titoli edilizi, la cui disciplina è codificata in seno al DPR 380/2001, che contempla le diverse ipotesi in cui può esplicarsi l’attività edilizia e la sua relativa disciplina. Tale Testo unico ha subìto numerose modifiche ad opera di diverse leggi statali che si sono succedute tra loro a distanza di breve tempo: ciò ne ha impedito il loro utilizzo e approfondimento critico, sollevando molti dubbi interpretativi tra i giuristi e gli studiosi del diritto. Questo lavoro si pone l’obiettivo di ripercorrere l’evoluzione dei titoli abilitativi all’esercizio dell’attività edilizia. 1 http://www.treccani.it

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cil
dia
scia
permesso di costruire
decreto sblocca italia
testo unico 380/2001
titoli edilizi
cila
attività edilizia libera
decreto 133/2014

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi